4.4 C
Venezia
lunedì 06 Dicembre 2021

Stupore e vecchiaia. Ci riguardano? Forse. Di Andreina Corso

HomeVenezia e i suoi e i nostri silenzi. Di Andreina CorsoStupore e vecchiaia. Ci riguardano? Forse. Di Andreina Corso
la notizia dopo la pubblicità

anziani case riposo vecchiaia

Quel che è certo sono le esistenze delle persone che premono sulla nostra intelligenza e sulla nostra vita. Davvero cosa c’è dietro il volto di una persona anziana, oltre quel che noi riusciamo a leggere e interpretare? Dove va la vita, qual è l’altrove che ci attendiamo?

A ritroso, ritroviamo una storia dignitosa, un tempo di lavoro intenso, fatto di impegno, sacrifici per la famiglia, per noi che siamo stati e siamo la “loro” famiglia. Anche se viviamo distanti, anche se i nostri problemi sono tali e tanti che ci sentiamo più sicuri, più tranquilli, se “loro” vivono in una casa di riposo.

Intendiamoci: oggi gli ospizi non esistono più, sono stati sostituiti dalle “residenze”, da luoghi che si appellano a nomi sacri o ai colori del mare e del cielo. O ad altre parole che ricordano la quiete, il riposo. Il loro e nostro riposo.
Ci lavorano operatori attenti, competenti, infermieri e medici motivati all’incontro con l’età della vita che attende, che resiste, che non molla, che sa di esserci. Nonostante tutto.

E noi, noi ad assistere a questo passaggio inventando nuove e convincenti motivazioni e sentendoci talvolta disorientati davanti a questa sfida. Ci si interroga abbastanza sui luoghi dell’accoglienza?
Ci assolvono le mani quiete appoggiate sul ventre, il silenzio, il non sentirsi rivolgere domande e desideri. Nulla ci inquieta, basta un luogo caldo, assistito, un termometro sul comodino, un’infermiera gentile e disponibile. Ed ecco la magia di una vita assistita.

E noi cosa pensiamo? E “loro” cosa pensano di noi? I pensieri si affollano, la nostra città insegue i suoi colori e le sue ragioni. Non insiste troppo, sa che l’ascolto è difficile e controverso. Talvolta si fraintende. Capita.

La nebbia assomiglia volentieri ai colori della vecchiaia, si vede e non si vede, quando lei c’è. Da una residenza veneziana che ospita i vecchi (sì chiamiamoli così, loro preferiscono), la nebbia scombina le emozioni e i desideri. Però è più gradita del sole, che tutto illumina ed esibisce, lasciando immutato ciò che vede. Nonostante tutto.

Conforta sapere che la maggior parte degli anziani oggi vive in casa propria, spesso assistiti dalla famiglia o da persone che si occupano di loro (sì uomini o donne preposti, chiamati orribilmente badanti). Sì anche le parole hanno il loro peso. Ora che si è prolungato il tempo di vita ci si interroga sulla qualità di “quel” tempo. L’autosufficienza aiuta, finché c’è, ma i problemi di salute che via via si presentano con l’aumentare degli anni, orientano ancora la vita anziana nei luoghi dell’invisibile, città dentro le città, spesso stranieri nella nostra mente.

Per l’anziano non più autosufficiente il tempo di vita sembra essere scaduto. I ritmi cadenzati dai bisogni fondamentali sembrano annientare il senso del vivere, anche se poco sappiamo, in fondo di ciò che la mente registra, sente, assapora, produce, accetta e respinge. Forse non è vero che tutto è perduto e alcune esperienze ci dicono che facciamo bene ad interrogarci, anche criticamente sulle loro e nostre aspettative.

Facciamo un gioco, o meglio, vi racconto una storia che nasce dalla condivisione della parola. Poco importa se chi ascolta sembra averla perduta. Sappiamo che la Parola c’è e che chiede nutrimento e ascolto.

>>segue>>

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

3 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. E’ molto bello, Andreina, il tuo testo.
    Bello perchè nasce da un vissuto elaborato con delicatezza e sensibilità, perchè parla di loro, dei vecchi (come tu dici, loro, preferiscono, essere chiamati), ma parla anche di noi, nomina, insomma, una relazione, un dialogo.
    E perchè ci interroga, interroga le nostre vite, il nostro rapporto con il tempo, non solo con quel tempo che se ne va con il passare degli anni, ma anche con quel tempo quotidiano per noi così compresso, per loro così dilatato.

  2. Cara Andreina,il tuo articolo mi commuove come mi commuovono i tuoi racconti.Sappi che sono sempre a tua disposizione per concretizzare la tua grande voglia di fare del bene a chi ormai vive nella nebbia solo perché è un anziano .
    Ti abbraccio Enrico

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...

Le sirene esistono? Ecco un video reale di pescatori per farvi riflettere e decidere (video non manipolato)

Le sirene sono personaggi leggendari che hanno sempre accompagnato la mitologia di tutte le culture. In tempi moderni la questione si è ulteriormente arricchita grazie all'avvento di telecamere più economiche, così sono cominciati a circolare sedicenti video che le riprendevano. Le sirene...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando sulle sue gambe ma dopo poche ore è spirata. F.C., signora di 52 anni residente a Lido, mercoledì...

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...