0.2 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

Pensioni: Quota 102 per un anno, poi solo contributivo e Fornero

HomeNotizie NazionaliPensioni: Quota 102 per un anno, poi solo contributivo e Fornero
la notizia dopo la pubblicità

Dodici miliardi al taglio delle tasse, in una legge di bilancio da trenta miliardi che ha una “bussola” e una “strategia” di fondo: spingere la crescita.
Mario Draghi presenta così la sua prima manovra. Lo fa dopo giorni di confronto teso con i sindacati e i partiti della maggioranza e dopo tre ore di discussione in Consiglio dei ministri, con un nuovo braccio di ferro tra M5s e centrodestra sul Reddito di cittadinanza, che si chiudono con un applauso “di condivisione”.

I sindacati restano sul piede di guerra ma il premier apre a un confronto sulle pensioni per una riforma che dia più flessibilità in uscita, fermo restando che dal 2023 si torna al contributivo della legge Fornero.

Su come tagliare le tasse, il governo discuterà con parti sociali e Camere. Ma fin d’ora Draghi si dice “soddisfatto” della manovra e prevede che il Pil crescerà quest’anno “ben oltre il 6%” e al 4,7% nel 2023, in salita rispetto alle previsioni: non è garantito che la crescita continui, aggiunge, ma “ci sono le basi” perché sia “a un livello più alto” e sia “più equa” e di “qualità”, con un cambio di paradigma in chiave europea.

Sul capitolo più spinoso della manovra, le pensioni, il Consiglio dei ministri conferma la scelta di Quota 102, l’uscita con 64 anni di età e 38 contributi.
E’ una scelta che non piace ai sindacati, come dice Pierpaolo Bombardieri della Uil evocando la piazza, e neanche alla Fiom-Cgil che annuncia un pacchetto di otto ore di sciopero.
Draghi si mostra stupito delle proteste: “Non mi aspetto uno sciopero generale, mi sembrerebbe strano, c’è la disponibilità del governo a ragionare”.

La disponibilità, dunque: il premier annuncia che dopo un anno di Quota 102 si tornerà al contributivo, alla legge Fornero.
Ma aggiunge che il governo aprirà un confronto, già nelle prossime settimane, su tre punti: flessibilità in uscita, riequilibrio delle pensioni per i giovani, recuperare al mercato del lavoro chi è andato in pensione e oggi lavora in nero.
Con un principio di fondo: l’equilibrio dei conti, per cui ogni intervento dovrà essere sostenibile.

Le storture nel sistema pensionistico ci sono, ci sono prestazioni sociali inadeguate e resta il problema del debito pubblico, ma su tutti questi fronti – spiega Draghi – è la crescita la vera soluzione.

Gli investimenti sono il primo volano della manovra: “89 miliardi dal 2022 al 2036, ma sommando il Recovery plan c’è un totale di 540 miliardi di investimenti nei prossimi 15 anni”.
In più, si agisce sul taglio delle tasse, sottolinea Draghi.

Il fondo da 8 miliardi previsto in manovra sarà destinato al taglio del cuneo ai lavoratori attraverso aliquote Irpef e detrazioni e alle imprese attraverso l’Irap.
Come effettuare il taglio, a chi destinare le maggiori risorse, lo dirà un emendamento del governo dopo confronto con parti sociali e Parlamento, incrociando anche il disegno complessivo della riforma fiscale.

In più, ci sono altri interventi per un totale di 12 miliardi quest’anno e 40 in un triennio, spiega il ministro Daniele Franco che come Andrea Orlando affianca il premier in conferenza stampa.

In Consiglio dei ministri si consuma l’ultima partita sul reddito di cittadinanza.
Il leader M5s Giuseppe Conte, che chiede (e per ora non ottiene) anche di abbassare il tetto di reddito al Superbonus per le villette, chiama Draghi prima del Cdm.
Gli chiede – e otterrà – di stabilire che il decalage scatti dopo il primo rifiuto di un’offerta di lavoro e non dopo sei mesi.

Il centrodestra rilancia: dopo il no alla prima offerta, bisogna decadere dall’assegno.
Alla fine l’asticella viene posta sulle due offerte. Ma vengono inseriti anche forti controlli ex ante e un meccanismo che renda conveniente accettare i lavori, perché il sistema precedente – dice Draghi – “non ha funzionato” e spinto il lavoro nero.

In Cdm arrivano altre modifiche: Dario Franceschini chiede di togliere il tetto di reddito al bonus 18enni che era in una bozza di manovra e Patrizio Bianchi fa stralciare la norma che toglieva la dote ai docenti.

Ci sono i due miliardi per il taglio delle bollette e ben 185 articoli di misure, che annunciano un percorso parlamentare assai vivace. I segnali della maggioranza, anche nel voto sul ddl Zan, non sono incoraggianti, nota Enrico Letta.

Il premier si mostra fiducioso della condivisione trovata in Cdm. E a chi gli chiede dell’ipotesi di Franco a Palazzo Chigi come suo successore (la si fa, in relazione a un’eventuale sua elezione al Quirinale, risponde con un sorriso: “Deciderà…”, poi si gira e interrompe la frase.

sponsor

» leggi anche: “Pensioni: cosa vuol dire Quota 102

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Mario Nascimbeni
Giornalista professionista, collabora ed ha collaborato con grandi testate nazionali. Ha base operativa a Roma, ma la sua professione lo porta in ogni parte del mondo come inviato o per reportage personali.

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. …c’è mezzo sud e un quarto del nord che lavorano in nero sotto gli occhi di tutti, e tagliano le pensioni e aumentano l’età pensionabile perché lo dice lì’Europa e non ci sono soldi per le pensioni….
    Ma chi vogliono prendere in giro?
    I soldi per andare in pensione a 60 anni subito e con 1200 euro al mese minimo ci sono, basta farseli dare da quella parte di Italia che non paga i contributi ai lavoratori senza che nessuno da anni gli dica nulla!
    Perché questa inerzia? Perché i controlli sono saltuari e le sanzioni irrisorie? Perché si impedisce, consentendo il lavoro nero, a tanta gente di avere una pensione in futuro? Che li manterrà? Lo Stato pagando pensioni sociali a valanga?
    Nessun movimento politico si interessa seriamente alla cosa: PERCHE’???
    Sono tutti d’accordo con chi sfrutta la gente…?
    Intanto le pensioni dei politici,come visto, non si toccano… !

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Le sirene esistono? Ecco un video reale di pescatori per farvi riflettere e decidere (video non manipolato)

Le sirene sono personaggi leggendari che hanno sempre accompagnato la mitologia di tutte le culture. In tempi moderni la questione si è ulteriormente arricchita grazie all'avvento di telecamere più economiche, così sono cominciati a circolare sedicenti video che le riprendevano. Le sirene...

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...

19enne di Pianiga trovato morto a Padova. La disperazione della famiglia. Di Andreina Corso

Un ragazzo muore a 19 anni a Padova, all’interno di un capannone abbandonato poco distante dal Parco delle Mura, frequentato da chi si trova a vivere in strada, a cercare riparo e rifugio per la notte che sembra coprire con una...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

Rapinano delle scarpe un 14enne coltello alla gola: sono due minorenni stranieri

Rapinano 14enne armati di coltello e gli portano via le scarpe sneakers. E' successo oggi nei pressi di un centro commerciale a San Pietro di Legnago (Verona). La coppia di minorenni ha rapinato il ragazzo di 14 anni minacciandolo con un coltello. Bottino della...