5.9 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

“L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. Lettere

HomeResidenzialità"L'esodo da Venezia c'è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate". Lettere
la notizia dopo la pubblicità

In riferimento alla lettera: “Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”.

E’ vero che taxisti, gondolieri e banchettari sono sempre stati considerati categorie protette.
Hanno case Ater, posti barca etc.
Ma dimentichiamo anche che c’è stato un calo nascite generale.
Quando io ero in prima superiore all’istituto Paolo Sarpi si era arrivati alla sezione L.
Quando ho iscritto mio figlio c’era una sola sezione.

Negli anni 70 la maggior parte dei veneziani non aveva la macchina. Si andava in montagna in treno.
Ora una famiglia ha minimo 2 macchine e sapete il costo di tenere 2 macchine in parcheggio al Tronchetto?

Si dovrebbe favorire la residenzialità offrendo gratuitamente dei posti macchina.
Venezia inoltre non ha mai puntato sui giovani e lo sport.
Negli anni 70 a 10 anni sono dovuta andare a Mestre per svolgere attività sportiva.
A Mestre ci sono campi di atletica.

C’era la piscina Rari Nantes di fronte a Piazzale Roma che funzionava solo in estate. Anche per la piscina bisognava andare a Mestre.

Quindi l’esodo c’è e ci sarà perché l’amministrazione Comunale non ha mai cercato di creare una città vivibile per i suoi cittadini.

P.G. 
(lettera firmata)

continua a leggere dopo la pubblicità

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

11 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Nel mio post precedente avevo fatto presente che negli anni 70 non c’erano palestre e piscine a Venezia e per queste bisognava emigrare in terraferma.
    Oggi a distanza di 50 anni e non sono pochi, vedo che nulla è cambiato.
    Leggo l’intestazione della “Nuova VENEZIA” E COSA VEDO SCRITTO?
    Il nostro Sindaco Brugnaro annuncia in prima pagina che farà a Tessera il nuovo stadio e una piscina.
    E questo conferma ciò che ho scritto precedentemente.
    Quindi di cosa stiamo parlando?
    L’esodo continuerà per scelta di qualcuno che è sopra di noi.
    Avevano detto e scritto che non davano più licenze per ulteriori bar.
    A San Salvador dove c’era la fiorirai apriranno un altro bar ancora.
    In Via Garibaldi dove c’erano negozi di vicinato, i bar nascono come funghi.
    Non si capisce più, tanto hanno il plateatico esteso, dove finisce uno e comincia l’altro.
    Sono tutt’uno.
    Quindi chi da le licenze?
    Sempre il Comune.
    Alla fine quelli che portano più soldi al Comune sono gli affitti turistici per mano dei quali il Comune incassa una cifra elevata di tasse turistiche senza far niente.

  2. La città è invivibile per tutti.
    Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quassi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il problema delle immondizie che uno deve tenersele in casa, mentre in terraferma ogni qualvolta ho un sacchetto ho a disposizione anche il cassonetto, i prezzi ad esempio delle verdure che sono il triplo di quelli in terraferma ed è diminuito il potere d’acquisto delle famiglie.
    Questi sono solo alcuni dei mille problemi che abbiamo nel vivere a Venezia.
    Per non parlare di quando d’estate si deve andare in spiaggia con bambini piccoli.
    Passeggino chiuso, autobus pieni e la mamma con un bambino in braccio, uno a mano e nell’altra il passeggino e lo zaino in spalla.
    Queste sono cose che ho vissuto in prima persona quando avevo i bambini piccoli.
    Le corse per portarli a scuola, poi correre al lavoro, ritornare a casa, riprendere i bambini e portarli nelle varie palestre.
    Uno stress enorme che gli abitanti della terraferma non riescono nemmeno a concepire.
    Km a piedi tutti i giorni.
    Passeggiare fa bene, ma quando lo si fa in totale libertà, non con lo stress dei tempi e di corsa.

  3. La situazione è ormai irreversibile. Troppe concessioni solo turistiche: micro locali uno accanto all’altro, B&B ovunque con precaria convivenza tra turisti e residenti, trasporti impraticabili per i residenti, aumenti dei costi per tasse (rifiuti) ed altro per residenti. Non serve avere il Nobel per capire che la città è stata svenduta, che non offre nulla per gli anziani ed i giovani; di giorno in giorno diventa insopportabile viverci.

  4. Dimenticavo. Quando ACTV sciopera 3 ore… niente mezzi e isole più isolate che non si può.
    E l’amministrazione non pensa ai ponti che rendono difficoltoso il muoversi di anziani e diversamente abili?
    Per passare da una parte all’altra del Canale ci vorrebbe l’elicottero o… l’elisoccorso!

  5. Ma ha ragione Manana. Per Venezia città dei veneziani l’amministrazione non fa nulla. Anzi vorrebbe che se ne andassero via.
    Come fa a sostenere 70 mila turisti al giorno?
    Tutte le categorie si lamentano, ma gli Hoteliers cosa fanno per fermare nuovi Hotels o appartamenti ad uso turistico?
    Chi viene da fuori pensa che i veneziani abbiano a pagare prezzi diversi da loro e si lamentano che la Città è cara! Cosa dovremmo dire noi!!
    Per non parlare dei trasporti con i ” carri bestiame” , tutti compressi come sardine e questa estate il 2 quanti giorni è arrivato fino al Lido?
    E poi, dopo le 19 vaporetti ogni 20 minuti e dalle 19.50 ogni 30 !!!! Ma il signor sindaco, della terraferma ( visto che è stato votato da commercianti e Mestre) prende “qualche volta” i mezzi pubblici acquei o si rifà a quello che dice la Polizia municipale?
    E non parliamo dei negozi cinesi…..
    Calle dei Fabbri, Strada Nova sono delle Chinatown!!!
    L’amministrazione si svegli e parli con gli abitanti.

  6. Giusto l’amministrazione pensa a fare i propri interessi, senza pensare ai cittadini di venezia. Non parlo della terra ferma ma di venezia isola che la stanno devastando.

  7. Per le categorie “protette” non esiste il problema del costo di un appartamento o due a Venezia, acquisto impossibile per chi ha una paga normale. Chi se ne va raramente è di una categoria “protetta”.

  8. Continuate sempre a puntare il dito ai banchettari gondolieri e tassisti non capisco cosa c’entra con il spopolamento misteri

  9. Die Politiker entziehen sich
    Ihrer Verantwortung.
    Das ist keine Frage der Zugehörigkeit zu einer ” Partita.”
    Wer zieht diese ” (nicht) handelnden Politiker”
    zur Verantwortung?
    Eine ” Macht zieht, im Hintergrund, die Fäden”,
    aber ein weiter so wird, und darf,
    es nicht geben.
    Das steht schon im
    ” Buch MOSE.”
    Empört Euch!
    “Venedig gehört den Venezianer. ”
    Federico Mosello

    (I politici si ritirano dalla responsabilità.
    Non si tratta di appartenere a una “Partita”.
    Chi attrae questi “(non) agenti politici”
    alla responsabilità?
    Un “potere sta tirando le fila in sottofondo”,
    ma continuerà così, e potrebbe,
    non darlo.
    Questo è già nel
    “Libro di Mosè”.
    Indignazione!
    “Venezia è dei veneziani. “)

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...

Il Natale che verrà: con nuovo picco di contagi priorità a salute o economia?

Caro amico ti scrivo. Tra poco sarà periodo pre-natalizio: con i numeri in continua salita priorità all'economia o ad eventuali prescrizioni?

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Sciopero Actv a Venezia: la gente “assalta” il motoscafo che fa finecorsa [video]

Qualcuno a bordo già lo sospettava: quel motoscafo era "anonimo", cioè senza cartello di linea. In più, ad ogni fermata precedente (Tre Archi, Madonna dell'Orto, ecc..), il marinaio ripeteva diligentemente "Solo Fondamente Nove", quindi assomigliava in tutto e per tutto ad...

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...