17.3 C
Venezia
lunedì 02 Agosto 2021

Zelarino: suonano alla porta come finte infermiere, l’anziana le fa entrare e sparisce la pensione

HomeMestre e terrafermaZelarino: suonano alla porta come finte infermiere, l'anziana le fa entrare e sparisce la pensione

anziana derubata in casa

Un altro colpo ai danni di anziani presi di mira da persone senza scrupoli. La Polizia di Stato invita i cittadini a prestare la massima attenzione a chi si avvicina a persone sole, in età avanzata o con difficoltà psico-fisiche: spesso, con la scusa di fornire un aiuto disinteressato, o con altri raggiri (riferendosi a vecchi rapporti di amicizia o parentela), carpiscono le fiducia delle persone per poi derubarle di quanto in loro possesso. In casi come questi (o come quelli fino ad ora censiti dalla Questura di Venezia), il consiglio è sempre quello di verificare chi si ha realmente di fronte, e rifiutare aiuti ed assistenza non richiesti. In ogni caso, chiamare il 113: la sola telefonata alla Questura ha spesso il potere di far allontanare i malintenzionati. E comunque una volante verrà inviata per accertare con sicurezza quanto sta avvenendo.

Questi i fatti di ieri avvenuti alle ore 12.30 a Zelarino/Mestre.
Una signora anziana, classe 1935, ha aperto la porta di casa a due donne che si sono qualificate come infermiere.

Mentre una delle due la accompagnava al bagno per illustrarle il modo corretto di lavarsi le mani, l’altra accedeva ai vari locali dell’appartamento rovistando dappertutto: poco dopo, entrambe uscivano indisturbate dalla casa.

Solo allora l’anziana donna capiva che era stata derubata della pensione (alcune centinaia di Euro) e alcuni monili d’oro di famiglia. Le ricerche in zona subito diramate agli equipaggi delle Forze dell’Ordine ipresenti in zona hanno dato esito negativo. La donna è stata invitata in ufficio per sporgere denuncia relativamente a quanto accadutole.

Redazione

[08/03/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.