Zaia e Orsoni concordi nell’applicare il federalismo di Venezia e Regione

ultimo aggiornamento: 05/11/2013 ore 19:43

87

zaia regione veneto

Venezia e il Veneto desiderosi di applicare il federalismo. Il presidente della Regione Luca Zaia stanco che il territorio che governa debba ogni hanno dare “a Roma 21 miliari di euro”, propone di ricavare soldi per aiutare la regione e la città storica, ponendo delle aliquote sulle tasse locali e ricavando anche dai proventi derivanti dalla Marittima.

Denaro, fondi, che serviranno a restaurare palazzi, fondamenta e ponti veneziani che cadono a pezzi. Felice Casson, senatore Pd, sembra essere d’accordo con la proposta: “Ci deve essere una vera e propria inversione di tendenza rispetto al passato perché i finanziamenti della legge devono partire dal territorio sul quale devono rimanere le risorse prodotte.”


La Commissione Ambiente del Senato riunitasi alla Prefettura veneziana, ha discusso ieri, tra i tanti argomenti, insieme a Zaia e al sindaco Giorgio Orsoni, proprio dei fondi e di enti competenti (forse troppi) che comandano in laguna. Il sindaco vorrebbe ridurre il numero di questi enti, mettendo a capo della gestione del denaro Ca’ Farsetti.

Zaia propende che ad occuparsene debba essere la Regione. “La Regione ha l’esclusività della programmazione, poi a cascata arriva tutto il resto”. Casson invece ha espresso l’interesse di “un’autorità unica per la laguna e le bonifiche di Porto Marghera. Un organismo proposto dalla Legge speciale stessa che permetta al cittadino di sapere a chi rivolgersi.”

Il presidente degli industriali, Matteo Zoppas ha auspicato dei uno sblocco per quato riguarda le bonifiche e soprattutto per quanto riguarda il Sin (Sito di Bonifica di Interesse Nazionale) di Porto Marghera. L’Autorità portuale nella figura del presidente Paolo Costa ha ribadito l’importanza di un porto off-shore per coniugare la salvaguardia ambientale e l’emergenza socio-economica di Venezia.


Il sindaco Orsoni ha infine affermato con decisione: “Si potrebbe pensare ad un’aliquota delle imposte dirette e indirette generate dal territorio da assegnare in automatico alla città”.

Alice Bianco

[05/11/2013]

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here