Voce del Verbo di oggi: Spostare. 1a coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso

213

fila gente in coda

Voce del Verbo:
Spostare
Prima Coniugazione – Modo infinito

Vorrei spostarti verbo in Are e magari iniiziare in Ere con un nuovo percorso e per altri tragitti.
Spostare però non è facile, ci vuole il consenso, quello vero.
Così, come capisci, non me la sento di tirarti in là.
Non sposto niente e nessuno.

Spostare, modificare, cambiare, verbi in movimento, in viaggio spesso verso posti sconosciuti, dove possiamo immaginare uomini e donne in cammino, forse per incontrare la pace.
A volte la sensazione di poter raggiungere un altrove vicino alla nostra pelle, è forte.
Ci spinge a spostarsi, a diventare farfalle che annusano le città come fossero fiori e i profumi rimangono attaccati alle narici e talvolta ci indicano il giusto cammino.
Ciò nonostante, caro Verbo, non ti sposto, non voglio che ti affatichi.
Inutilmente.

Andreina Corso

20/09/2014

Riproduzione vietata

&#9674 Leggi tutti i verbi del giorno di Andreina Corso

Riproduzione Riservata.

 

2 persone hanno commentato questa notizia

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here