COMMENTA QUESTO FATTO
 

tesi di laurea di Leonardo Sabatini

Voce del verbo di oggi:
Sbagliare Prima coniugazione – Modo infinito

Sbagliare. Magari per salvare. Verbi in are osservati con occhi attenti e sbaragliati. Si sbaglia per caso, per incuria, per disattenzione, per debolezza, per imparare.
Sì, sbagliamo anche noi, visto che sbagliano tutti. E così non sbaglia nessuno per un sottile e rassicurante gioco degli equilibri.
Sbagliare una volta, due e persino tre, mentre parliamo, agiamo, pensiamo, sapendo che sbagliare è possibile e persino auspicabile.

Salvare lo sbaglio, pescarlo nel lago, curarlo, riporlo con cura ad asciugare. E poi farlo riposare: in are.
E per far questo interpelliamo il verbo pensare che sovrasta la ragione e ci induce a perdonare, conosce lo smarrimento di chi è vittima del verbo sbagliare mentre credeva di potersi fidare.

Andreina Corso

[06/06/2014]

Riproduzione vietata

Riproduzione Riservata.

 

Una persona ha commentato

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here