18.1 C
Venezia
lunedì 02 Agosto 2021

Voce del Verbo di oggi: Sacrificare. 1a coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso

HomeVoce del Verbo di Andreina CorsoVoce del Verbo di oggi: Sacrificare. 1a coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso

palestina israele bombe gaza

Voce del Verbo:
Sacrificare
Prima Coniugazione – Modo infinito

Privarsi, rinunciare, spogliarsi. Sacrificare toglie e aggiunge qualcosa nello stesso tempo.
Ci si può sacrificare volentieri, e in genere non lo vogliamo chiamare sacrificio. Sono scelte che riguardano direttamente la nostra coscienza, quando sacrificare ci riguarda, sia che ci pesi, sia che non ci pesi rinunciare.
A volte è liberatorio non insistere, pur se il volo alto attrae, si cammina bene anche con comode pantofole.
A terra.

Però il sacrificio ha il suo fascino.
Si fanno saltare per aria i sacrificati al fanatismo. E anche sacrificati involontari muoiono in nome di quel verbo. Magari son passanti che vanno a lavorare, a far la spesa. Magari son bambini che vanno a scuola. E non ce la fanno a varcare la porta d’ingresso.
Un tempo si sacrificavano gli animali in nome degli dei. Come se si potesse trarre soddisfazione dalla morte.
Come se un dio si beasse del sangue e dell’orrore.
Scappa verbo infelice, chiedi al più presto una nuova carta d’identità.

Andreina Corso

20/08/2014

Riproduzione vietata

&#9674 Leggi tutti i verbi del giorno di Andreina Corso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

3 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Sacrificare non va d’accordo né con il verbo amare, né con il verbo scegliere, ma capita di confonderli. Quante volte si sente dire: “per te ho sacrificato tutto perché ti voglio bene”.
    Se si ama non si sacrifica, ma si sceglie. Sacrificare è passivo, è subire, è non agire e questo è contrario all’ amore che agisce per scelta e trasforma il sacrificio in dono.

  2. Quelli della mia generazione erano abituati al sacrificio, si rinunciava spontaneamente, perchè così facevano tutti.

  3. Ricordo il sacrificio delle donne, troppo ignorato, vissuto spesso nel silenzio e nell’indifferenza generale. Sacrificare potrebbe essere il loro verbo.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.