29.8 C
Venezia
sabato 31 Luglio 2021

Voce del Verbo di oggi: Ripassare. 1a coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso

HomeVoce del Verbo di Andreina CorsoVoce del Verbo di oggi: Ripassare. 1a coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso

bambino legge scrive sull'erba

Voce del Verbo:
Ripassare
Prima Coniugazione – Modo infinito

Scusino gli studenti, Ripassare è un verbo troppo scolastico per essere gradito.
Ripassa almeno la grammatica, le regole matematiche, che fra un po’ inizia la scuola.
Un ripasso, una letta?
Prova con un esercizio.
Non serve, ho capito.

Bene, allora ri-passiamo in rassegna gli affetti della nostra vita.
Non vuoi? Dai, è bello!
Ripassare la lezione prima di essere interrogati, ritrovare nella mente le raccomandazioni di nostra madre: “metti il golfino, hai preso l’ombrello?”
Ri-passare, ripetere il passaggio di quella cosa che ti serve. Ripassa a mente la strada per tornare a casa. Non affidarti al caso. Ripassare serve a non sbagliare.
Hai detto sbadato? No ho detto ripassato!
Forse ti sei sbagliato? No, mi sono intrappolato!
Ma la trappola non c’è! Ripassa la geometria, il rettangolo ti mostra l’angolo di mille gradi…
che non c’è.
Allora ripassa lo straccio sulla lavagna e cancella il gesso ingessato nel ripasso che c’è.

03/09/2014

Riproduzione vietata

&#9674 Leggi tutti i verbi del giorno di Andreina Corso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Mamma mia, quante volte mi sono sentita dire ripassa, e quante volte ho dimenticato di farlo.
    Adesso penso che se avessi ripassato solo un poco le materie di scuola, avrei fatto meno fatica.
    Sì, ripasserei.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.