Voce del Verbo di oggi: Parlare 2. Prima coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso

127

scrivere compito scuola

Voce del verbo di oggi:
Parlare 2 Prima coniugazione – Modo infinito

E’ arrivata fra noi, la Parola detta, scritta, pensata. Si è accomodata sui nostri cuori, ben sapendo che la testa, il pensiero, le emozioni avrebbero sorretto la forza della poesia, della narrazione. E ci darà pace e ci darà emozione, ci darà dolore. E si farà cosa, passando di mano in mano, emanando i suoi messaggi magici e le sue suggestioni.

La parola sofferta, la scrittura che restituisce i ricordi, li piega, li lenisce, li conforma al nostro essere oggi persone attente alle lettere dell’alfabeto trasferite sulle pagine di un libro.
Rieccomi a parlare, a provare a dire, a raccontare il posto della parola che va, che si posa, che si ferma, che ci chiama.
Ancora parlare, verbo in are come Poetare, pensare, dire in versi la condizione dell’anima e offrirla agli occhi che leggono o ascoltano.
La parola si occupa della verità? Domanda accorata che domina ogni tentativo di fuga, che ammonisce l’idea del naufragio di senso quando la verità è raggirata dal suo stesso mezzo espressivo. Parlare per sovrastare, per convincere, parlare per condannare, ferire, ammonire, parlare con lingua tagliente, mettere all’angolo la vittima della parola.

Eppure sa essere fragile e delicata, pronunciata sommessamente, meditata prima di essere pronunciata, disarmata, conciliante e gentile.
La parola poeta, meravigliata, scarpe comode per i nostri passi incerti. La parola di pane croccante, profumato, la parola che accudisce e immobile difende, sentinella fedele, lo spazio della mente che l’accoglie.

Andreina Corso

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here