22.7 C
Venezia
sabato 31 Luglio 2021

Voce del Verbo di oggi: Narrare. 1a coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso

HomeVoce del Verbo di Andreina CorsoVoce del Verbo di oggi: Narrare. 1a coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso

maestra racconta fiabe bambini scuola materna asilo

Voce del Verbo:
Narrare
Prima Coniugazione – Modo infinito

Narrare una storia
Ascoltare una storia narrata, vedere con gli occhi della parola uomini, donne e bambini che si muovono nell’immaginario della narrazione. In quel luogo abitano colori e sfumature sconosciuti: gli sconfitti son toccati dalla fortuna, i gatti ridono, i pesci volano e le porte dei castelli si aprono per tutti, dicono tutti i visitatori.
Narrare è un suono, un soffio costellato di luci, ora chiare, ora scure che ci raccontano uno spartito di cui abbiamo bisogno. Anche quando non lo sappiamo, quando quest’esigenza non si fa consapevolezza.,

Non sta male Arare vicino al nostro Verbo, le parole solcano la terra, nutrono lo stupore dell’ascolto, raccolgono la semina e riflettono con la vendemmia.
Tutti noi siamo un po’ narrati e un po’ narratori nel grande campo della conoscenza.
Poco avrebbe potuto tramandare la Storia senza le fonti orali del narrare.
Acque limpide e fontane eterne hanno dissetato l’incontro fra memoria e racconto, facendo spazio anche a quel mondo fantastico così necessario al senso del tempo che va, intrattiene e supera le parole narrate.

Andreina Corso

24/08/2014

Riproduzione vietata

&#9674 Leggi tutti i verbi del giorno di Andreina Corso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.