0.2 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

Voce del Verbo di oggi: Educare. 1a coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso

HomeVoce del Verbo di Andreina CorsoVoce del Verbo di oggi: Educare. 1a coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso
la notizia dopo la pubblicità

riunione scuola assemblea classe

Voce del verbo di oggi:
Educare
Prima coniugazione – Modo infinito

Quante volte questo verbo è comparso nella nostra vita. Appena nasciamo, siamo subito “educati”, i pasti, il riposo, i tempi, le coccole. Educare i bambini, gli adulti, avvolgere la vita tutta dentro questa tensione, l’educare, che si propone di civilizzare gli uomini e i Paesi. Educare quindi. Educare gli altri, Qual è la parte di noi stessi che verrà educata?
Fornire norme, esempi dai quali attingere, educare all’ambiente, alla diversità, alla pace, alla libertà, alla lettura, alla convivenza civile. Far tesoro della Storia, anche se le guerre poco hanno insegnato all’uomo. Eppure l’educazione, scrive Nelson Mandela è l’arma più potente che si possa usare per cambiare il mondo
Chi educa chi? Siamo tutti dentro a questa propensione, ci sfugge talvolta che la trasmissione di garbo e di saperi è reciproca. Educazione: dal latino e-ducere, condurre fuori, perciò liberare la nostra parte più viva e più vera, purché non disturbi troppo.
E’ della Scuola questo difficile compito, è della Famiglia? Basta chiamarsi scuola e famiglia per nominarsi educatori?

Bertolt Brecht lamenta:” Durante i miei nove anni alle scuole superiori, non sono riuscito ad insegnare niente ai miei professori…” Considerazione arrogante? No, considerazione, appunto.
Si possono educare (manipolare, istruire) i comportamenti di un bambino, ma lasciare inalterata la sua vera natura. Si confonde l’obbedienza con la mitezza, ci si illude di plasmare qualcuno, ben sapendo che nessuno entra totalmente in noi, fino a piegarci la mente.
Di altro spessore la bellezza di una educazione dei sentimenti che non ha bisogno di prevaricare.
Si accontenta delle sensazioni, le rispetta, le confronta, sapendo che il viaggio è lungo e il porto lontano.

Andreina Corso

[21/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

5 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Quando incontro dei giovani poco educatri, penso sempre che non è colpa loro. L’educazione si impara, solo così i ragazzi diventano responsabili, attraverso l’esempio.

  2. Quando una parola ci prende, vuol dire che è quella giusta
    Mi è piaciuto perdermi in questo verbo che mi ha fatto riflettere sul mio educare i figli, gli studenti. Sono un po’ in crisi, ma ringrazio anche per questo

  3. Da insegnante, condivido pienamente, soprattutto quando si parla del nostro compito di ‘tirare fuori’ dall’alunno i suoi talenti e valorizzarli, farglieli, a volte scoprire. Scoprire è apprendere: anche noi abbiamo tanto da scoprire in loro…

  4. Grazie di questa riflessione che ci ricorda che la reciprocità ci deve accompagnare in ogni rapporto. Mi piace molto una parola che hai usato: garbo. Anche questa merita uno spazio di attenzione
    Ciao

  5. Ringrazio Andreina, per il bel contributo. E’ importante per un insegnante sentire sempre il bisogno … di essere educato (voce del verbo “educare” 1^ coniugazione modo infinito tempo presente)

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...