COMMENTA QUESTO FATTO
 

mamma consola bambino che piange

Voce del Verbo:
Consolare
Prima coniugazione – Modo infinito

Consolare, verbo carezzevole che si accontenta di arrivare ultimo, quando tutto è già accaduto e non c’è più niente da fare. Lui che conosce il sapore del pianto e il gesto della rassegnazione, entra laddove nessuno più si può accostare. Entra nella zona buia che sembra impenetrabile. E la consola rischiarandola con le parole giuste.
Il suo gesto è l’abbraccio, il suo fare la quiete. Consolare, sa calmare, confortare e incoraggiare.
E’ un verbo a tutto tondo che resiste nonostante i tempi frettolosi, le decisioni tempestive, i dialoghi affrettati.

Consolare i delusi, la sofferenza, salvare il salvabile, questo verbo diventa medicamento e forse gli spetterebbe un posto più dignitoso nella società dei verbi.
La pazienza è il suo abito, la dedizione il suo cuore.. lavora molto e non chiede consolazione.

Andreina Corso

[08/07/2014]

Riproduzione vietata

&#9674 Leggi tutti i verbi del giorno di Andreina Corso

Riproduzione Riservata.

 

2 persone hanno commentato questa notizia

  1. Analisi veramente speciale….profonda…
    lasciarsi consolare e proteggere da chi ci sta accanto è un abbandonarsi ed affidarsi così prezioso….
    che può esserci donato solo da chi è capace di entrarci nel cuore…..ascoltare la nostra anima…
    sostenendoci e sorreggendoci…..quando stiamo affondando…..
    per risalire…in un sospiro di pace interiore

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here