6 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Voce del Verbo di oggi: Aspettare. Prima coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso

HomeVoce del Verbo di Andreina CorsoVoce del Verbo di oggi: Aspettare. Prima coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso
la notizia dopo la pubblicità

ragazza guarda dalla finestra aspetta

Voce del verbo di oggi:
Aspettare Prima coniugazione – Modo infinito

Aspettare in are, sinonimo di attendere, in ere, ha il volto sommesso della pazienza e della mitezza. Aspetta una porta aperta l’uomo carcerato, un briciola di pane il passero affamato, una carezza chi si sente dimenticato.
Aspettare il sonno che non arriva, attendere l’alba per risvegliare il cuore.

Aspettare Natale e la neve, il suono delle cornamuse e delle campane.
Aspettare il nuovo anno: per sognare, per dar luogo alla speranza
E voce all’indulgenza.
Aspettare senza temere, questa volta in ere, parole per arredare il tempo di lunga metratura.
Perché aspettare è esercizio da imparare, come misurare con bilance truccate.

Andreina Corso

[02/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

4 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Crescendo cambiano le necessita’ , le vicessitudini. Nella mia mente è fissa la parola “aspettare” dietro la quale si cela un oceano di speranza, vibrazioni positive, ottimismo.
    Guardo con gli occhi di bambina il tempo che verra’ e mi aggrappo con le unghie e con i denti al detto sopra citato: Non avere mai fretta. Impara ad aspettare che a volte l’attesa è più bella di ciò che stavi cercando
    @chiara: pensiero bellissimo, tanto tenero :)

  2. Il detto dice : Non avere mai fretta. Impara ad aspettare che a volte l’attesa è più bella di ciò che stavi cercando.
    La vita è una sfida, non una continua rincorsa. C’è chi perde tempo ad aspettare un Eldorado brulicante di felicità inespresse, di sogni irraggiungibili e si perde il piacere di un presente carico di spontanea meraviglia, di gesti. Perde tempo per l’amore e non ama. Ma non amando, non ama se stesso. Le parole si perdono. Si perde il loro significato. Si perde tempo. E nel perderlo, rinunciamo a qualcosa di noi che rischia di morire così, alle volte, semplicemente sul nascere. Per paura, certo. Una fottuta paura di perdere. Ma non tentare per paura di perdere, equivale a non vivere. Ci si dimentica così di vivere, e si vegeta .
    La vita è una strana combinazione di porte e di chiavi.
    …alcune le apriamo anche troppo in fretta, di altre invece non abbiamo la chiave giusta.
    ..e allora ci limitiamo a spiare dal buco della serratura o aspettare che qualcuno ci apra, quando in realtà bisognerebbe buttarle giù anche con la testa se necessario …e rubare tutto ciò che vogliamo.
    .perchè prenderci la nostra felicità non sarà mai un reato..!
    Aspettare… una parola che mi appartiene come non mai. .
    L’attesa ti scarica dentro, e poi, quando tocca il nostro turno, ci si sente come dopo una camminata lunga e faticosa, e invece, non ci siamo mai mossi, però è stata la tensione a farci strada e a precedere il cammino…
    Aspettare è esercizio da imparare.. verissimo!!

  3. E’ tutta la mia vita che aspetto qualcosa, forse la felicità, non so quanto saprò aspettare, però non voglio arrendermi, voglio credere che arriverà.

  4. Aspettare come desiderare….da insegnare ad un bambino…affinché nn perda la gioia e l’emozione….dando per scontate le cose belle…per fargli tenere stretta nel cuore quella luce negli occhi…quell’emozione…di quando e’li’…emozionato….ad aspettare la mezzanotte….per aprire il suo regalo

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Green Pass obbligatorio: quali sono le regole

Green Pass obbligatorio, la guida: tutte le regole. Dove non si entra senza, come procurarselo, quanto dura, ecc...

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Chi volontariamente non si vaccina ruba un pezzo di probabilità di evitare la dissoluzione del genere umano. Lettere

Con la propaganda No-Vax io non riesco a discutere né a confrontarmi perché si tratta di un Extramondo *(una specie di Vandea del XXI secolo)* nel quale non riesco neanche a respirare. La Storia non si muove in senso vettoriale ma circolare...

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

G 20 a Venezia: città indifferente o infastidita

G 20 a Venezia: città e cittadini indifferenti o infastiditi, altro che occasione internazionale per mettere in mostra la città. In linea generale l'umore è irritato, gli incassi non sono all'altezza delle aspettative, il continuo sorvolo degli elicotteri, necessari alla sicurezza,...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...