Vittoria degli abusivi: possibili allacciamenti Veritas per avere l’acqua

ultimo aggiornamento: 05/02/2014 ore 07:11

119

uffici veritas acqua energia

A quanto pare la linea dura non è passata: Veritas apre i rubinetti dell’acqua anche a chi ha occupato una casa. Si tratta di una vittoria per gli attivisti dell’Assemblea Sociale della Casa Asc: da domani anche chi occupa senza contratto una casa dell’Ater potrà richiedere e ottenere l’allacciamento idrico con il semplice certificato di residenza.

Gli attivisti dell’Assemblea Sociale della Casa hanno portato a casa questo risultato attraverso una battaglia negli uffici di Veritas di piazzale Da Vinci. I protestanti si sono presentati ieri mattina con bacinelle, asciugamani, telefoni della doccia sistemati a mò di sciarpe, striscioni e microfoni.
Si trattava di una cinquantina di persone, tutti occupanti case sfitte dell’Ater che si sono visti negare finora l’allacciamento alla rete idrica perché abusivi.

Il problema delle case occupate abusivamente è stato sollevato da più parti, ma finora Veritas era stata lasciata da sola a fronteggiare la questione, chiedendogli di negare gli allacciamenti in base ad un protocollo anti-abusivi siglato in Prefettura. Veritas, aveva aderito, Eni, Enel e Italgas, invece, no: se gli inquilini pagano le bollette, il problema per loro non esiste.

Da ieri anche Veritas si è adeguata, stabilendo definitivamente che basta un regolare certificato di residenza e si può ottenere l’allacciamento.

Redazione

[04/02/2014]

Riroduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Una persona ha commentato

Please enter your comment!
Please enter your name here