lunedì 17 Gennaio 2022
3.7 C
Venezia

VENEZIA 2012: IL SUD ANESTETIZZATO DAL CLIENTELISMO, IL NORD VUOLE LA LIBERTA’!

HomeLettereVENEZIA 2012: IL SUD ANESTETIZZATO DAL CLIENTELISMO, IL NORD VUOLE LA LIBERTA’!

E’ stato il vento del nord a far garrire così le nostre bandiere in Riva Sette Martiri, la volontà  di ripartire con idee necessarie alla politica sono state l’ulteriore garanzia per credibilità  e lungimiranza che solo il Carroccio può vantare. Il richiamo del nostro Segretario Federale alla disobbedienza civile è una corretta interpretazione delle necessità  del nord, la Padania sta correndo ai ripari difendendosi legittimamente dal pantano romano in cui ci troviamo, uno
Stato rappresentato da “illuminati” a nomina del Presidente Napolitano.

L’appuntamento del Lingotto, che ha preceduto la manifestazione veneziana, ha creato importantissimi tavoli d’ascolto con le parti sociali ed economiche, facendo un lavoro ancora più attento di quello svolto dal Governo, recependo le criticità  esposte dagli attori del comparto produttivo ed economico nazionali e redigendo le 12 imprescindibili priorità  da adottare, congiuntamente alle riforme costituzionali, per venir fuori dalla crisi.

Lavoro, imprese, economia, sistema finanziario, piano infrastrutturale e politica una trasparente, questa è una parte del programma che il nord, con o senza Roma intende attuare, non possiamo aspettare che il sud, ancora anestetizzato dal clientelismo, possa in qualche maniera aiutare questo processo. Ed è per questo che la rivoluzione parte dal Nord, ed è per ciò che i Militanti hanno abbracciato con convinzione le linee dettate dal Segretario Federale Maroni e dalla sua squadra federale. 900 milioni donati d'amblais alla già  fallita Regione Sicilia sono la prova che Monti non intende attuare alcun taglio, quelli che invece si ostina ad adoperare contro i Comuni e le Regioni virtuose della Padania sotto forma di trasferimenti non corrisposti.

Maurizio Conte

Assessore Regionale Veneto

[08/10/2012]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

Venezia e flussi turistici, Brugnaro: “Contributo d’accesso e prenotazione con app”.

A Venezia si ritorna a parlare di regolamentazione dei flussi turistici. Lo ha fatto oggi il sindaco Luigi Brugnaro, a proposito del "Contributo di accesso" (il ticket per Venezia). Una 'app', in soldoni, darà le chiavi per entrare sulla base dell'affluenza tipica in...

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...

Il Natale che verrà: con nuovo picco di contagi priorità a salute o economia?

Caro amico ti scrivo. Tra poco sarà periodo pre-natalizio: con i numeri in continua salita priorità all'economia o ad eventuali prescrizioni?

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...