20.4 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

Venditore abusivo si tuffa, ma polizia arriva con moto d’acqua

HomeLido di VeneziaVenditore abusivo si tuffa, ma polizia arriva con moto d'acqua

polizia sequestro orologi abusivi

Continuano, in ottemperanza all’ordinanza emessa dal Questore di Venezia Angelo Sanna, i servizi inforze finalizzati al contrasto dell’immigrazione clandestina a Jesolo.
Numerosi e mirati controlli sono stati svolti nei confronti di abitazioni già attenzionate dalle Forze dell’Ordine o riguardo alle quali vi era motivo di credere che vi fosse una situazone di sovraffollamento abitativo.

Le zone ove si trovavano gli immobili sottoposti a controllo, abitati prevalentemente da cittadini stranieri, erano comprese nel tratto di arenile che va da Piazza Mazzini a Piazza Aurora, nel tratto antistante Piazza Brescia, tra Piazza Milano e Cortellazzo e nel tratto d arenile in zona Faro.
Proprio in zona Faro, intorno alle ore 11.30, venivano avvistati quattro uomini, presumibilmente stranieri, con zaini ed espositori con occhiali, i quali appena visti gli agenti si davano a precipitosa fuga lungo la battigia in direzione del Faro.

Uno di questi, inseguito e bloccato, è stato identificato per S.M., classe ’91, nato in Senegal e in Italia senza fissa dimora: nel tentativo di guadagnarsi la fuga, brandiva un bastone e minacciava di colpire gli Agenti di Polizia qualora si fossero avvicinati.
Successivamente il giovane si gettava nelle acque del fiume Sile e vi rimaneva nonostante gli inviti a uscire.
Grazie al prezioso intervento del personale specializzato della Questura di Venezia che interveniva con moto d’acqua, il giovane usciva dall’acqua e a questo punto veniva bloccato e reso inoffensivo.

Lo straniero, ritrovato in possesso di 54 orologi di marca contraffatta, veniva deferito in stato di libertà per i reati di Ricettazione, Commercio di prodotti riportanti il marchio contraffatto, Resistenza e Violenza Aggravata a Pubblico Ufficiale, Porto Abusivo d’arma, e permanenza sul territorio nazionale in violazione delle norme di soggiorno.
Veniva inoltre munito di decreto di espulsione del Prefetto di Venezia ed ordine del Questore ad abbandonare il territorio nazionale entro 7 giorni, ma non veniva condoto presso un CIE per indisponibilità di posti presso i Centri di Identificazione ed Espulsione sul territorio nazionale.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.