18.1 C
Venezia
lunedì 02 Agosto 2021

Va a votare ma c’è il crocefisso, si rifiuta finchè non lo coprono

HomeMestre e terrafermaVa a votare ma c'è il crocefisso, si rifiuta finchè non lo coprono

Va a votare ma c'è crocefisso si rifiuta finchè lo coprono

E’ accaduto oggi a Noale, in occasione delle consultazioni elettorali: un uomo va a votare ma c’è il crocefisso, si rifiuta finchè non lo coprono.

L’uomo si è rifiutato di votare non appena si è accorto che nell’aula di una scuola media di Noale era presente il crocefisso.

Ne è nato un diverbio con il presidente di seggio e sono dovuti intervenire i carabinieri per calmare le acque.

Ripristinata la calma, per i pochi minuti necessari al contestatore per votare, si è provveduto a coprire l’immagine sacra. Al termine dell’operazione i lcorcefisso è stato poi reso nuovamente visibile quando l’uomo se ne è andato.

Il contestatore si è definito ateo e per questo riteneva inopportuna la presenza del crocifisso, di fatto, insormontabile.

I carabinieri hanno verbalizzato il tutto ed hanno provveduto ad informare il Comune e la Prefettura.

Giorgia Pradolin

[25/05/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

3 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Secondo la costituzione l’Italia è uno Stato laico e tutte le religioni devono avere pari dignità e diritti, così come tutti i cittadini, senza discriminazione alcuna

  2. Quanta imbecillità! Se una persona è atea non ha bisogno di togliere nessun simbolo religioso visto che non ci crede, già il fatto che gli dia fastidio, in qualunque posto sia, è sintomatico di quale stato di chiusura mentale si trovi questo teatrante della domenica (votiva). Faccia il suo dovere e prenda un appuntamento da uno psichiatra. Perditempo.

  3. Ha assolutamente ragione quel uomo e quindi i carabinieri non hanno potuto fare altro che eseguire. I crocifessi ed altre prevaricazioni cattoliche sulla società civile e sullo stato laico ci sono già costate diverse sanzioni alla corte europea.
    Se uno vuol pregare prega nei luoghi di culto appositi o aperti al pubblico o privatamente, non nelle sedi delle istituzioni pubbliche comprese le aule di giustizia.
    C’è da sorprendersi del fatto che dopo la contestazione sia stata tolta ogni censura e ripristinata una condizione di ingerenza paternalistica ripristinando e reiterando il disagio e la prevaricazione teologica alla cittadinanza.
    Anche queste cose scerditano l’Italia.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.