COMMENTA QUESTO FATTO
 

Ultime notizie su arresti e indagini

L’arrivo della telefonata ai carabinieri di Venezia è arrivata verso l’1 della scorsa notte, quando qualcuno ha segnalato la presenza di un uomo, in evidente stato alterato dall’alcol, che si aggirava armato all’interno di un locale a Rialto.

Arrivati sul posto i carabinieri hanno subito identificato l’uomo, uno straniero di origine tunisina sui 30 anni, e gli hanno chiesto di mostrar loro i documenti.

Ma il tunisino, invece di calmarsi e collaborare, gli ha spintonati, colpendo uno di loro con una gomitata, mettendosi poi in fuga per le calli, in direzione di Rialto.

I carabinieri si erano accorti che l’uomo aveva, nella cinta dei pantaloni, due coltelli, nascosti dietro la schiena.

I militari si sono subito lanciati all’inseguimento e una volta raggiunto Campo San Giacomo sono riusciti a fermarlo, complice anche la pioggia che aveva reso il selciato pericoloso e ha fatto scivolare il malvivente.

Prima di riuscire a bloccarlo, però, i carabinieri hanno dovuto lottare e non poco per tenerlo fermo, in quanto l’uomo aveva ingaggiato con loro una nuova colluttazione.

Una volta immobilizzato è partita la perquisizione dove si è scoperto che l’uomo, oltre ai due coltelli da cucina lunghi 30 cm l’uno, ne aveva altri due a serramanico nascosti nelle tasche della giacca.

 
ASSOCIAZIONE LA VOCE DI VENEZIA 5X1000
 

Anche durante i controlli lo straniero non smetteva di dimenarsi, opponendo forte resistenza, per questo, una volta condotto in caserma, è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e porto abusivo di armi, che sono state posto sotto sequestro.

Redazione

[14/05/2014]

Riproduzione vietata

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here