0.2 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

TUTTI PAZZI PER ROSE | Quando la commedia rosa si ricorda le sue origini

HomeCinema: news e recensioni di Sara PrianTUTTI PAZZI PER ROSE | Quando la commedia rosa si ricorda le sue origini
la notizia dopo la pubblicità

NOTIZIE CINEMA | Un film che sembra appartenere all'epoca della Hollywood anni 50, ma con tutte le soluzioni che il cinema contemporaneo può offrire senza l'intervento del Codice Hayes che censurava moltissime possibilità  di intreccio.
Questo è “Tutti pazzi per Rose” e racconta la storia di Rose Pamphyle (Déborah Franà§ois) sognatrice di una carriera come segretaria. Trova lavoro da Louis (Romain Duris) che a dispetto della goffaggine della ragazza, vede in lei talento nel battere a macchina, tanto da iscriverlaalle gare regionali di dattilografia. Un percorso tutto in salita che insegnerà  ai protagonisti a riassegnare il giusto valore alle cose.

Déborah Franà§ois, un po' Audrey Hepburn (i riferimenti sono continui, soprattutto al look de “Una cenerentola a Parigi), un po' Doris Day nel provocare un sorriso spontaneo nello spettatore, interpreta un personaggio simbolo della fine degli anni Cinquanta: la donna indipendente che vuole farsi strada nel mondo, dimostrando la condizione paritaria con gli uomini.

Ma al fronte di questa tematica importante, “Tutti pazzi per Rose” è una deliziosa commedia dei sentimenti che, in un escalation di presa di coscienza, porta i protagonisti a capire che una gara è importante, sì, ma mai quanto essere innamorati.
Sembrava impossibile ricreare le atmosfere dei film della Hollywood d'oro con Cary Grant, Fred Astaire, Doris Day, James Stewart, eppure il regista Regis Roinsard al suo primo lungometraggio, ci riporta indietro di anni, connotando la pellicola di divertimento sincero, di personaggi irresistibili, di una colonna sonora nostalgica ritrovabile solo negli Anni '60 e da una storia dal sapore vintage, ma anche così attuale.

Utilizzando stili di un’altra era cinematografica si parla di un qualcosa di così odierno come “amore o carriera?” e, allora, il cinema non è poi così' cambiato negli anni e del 3D, spesso, se ne può fare anche a meno.

Sara Prian
[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[31/05/2013]


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne: il Comune compra libri contro omofobia

Arrivare ai bambini attraverso le favole per contrastare l’omofobia. Il Comune di Venezia ha dotato asili nido e scuole materne di quarantasei storie per bambini, regolarmente acquistate e distribuite in migliaia di volumi. E' un’iniziativa di Camilla Seibezzi, la delegata del...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?

Identificata baby gang che terrorizza Venezia e Mestre. Brugnaro: “Abbiamo 27 nomi”

Il sindaco di Venezia conferma quanto era nei dubbi e nei timori della gente comune: sono tanti e due-tre, verosimilmente i "capi", sono molto, molto pericolosi. "Sappiamo chi sono. Abbiamo 27 nomi. Due o tre sono particolarmente pericolosi. Mi auguro che qualcuno...

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

I plateatici dei bar di Venezia tornano al loro posto

I plateatici di Venezia torneranno al loro posto originale il 31/12/21 "rientrando" dalle espansioni concesse per compensare il lockdown.

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

Fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne: il Comune compra libri contro omofobia

Arrivare ai bambini attraverso le favole per contrastare l’omofobia. Il Comune di Venezia ha dotato asili nido e scuole materne di quarantasei storie per bambini, regolarmente acquistate e distribuite in migliaia di volumi. E' un’iniziativa di Camilla Seibezzi, la delegata del...

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...