3.2 C
Venezia
lunedì 06 Dicembre 2021

Treviso, Manildo fa rimettere le panchine proibite da Gentilini

HomeMestre e terrafermaTreviso, Manildo fa rimettere le panchine proibite da Gentilini
la notizia dopo la pubblicità

panchine spaccio droga

Mestre le toglie, Treviso le rimette. Alcuni anni fa, quando nel capoluogo della Marca trevigiana governava la Lega Nord e lo ‘’sceriffo’’ Giancarlo Gentilini, per combattere l’accattonaggio molesto e il degrado cittadino, l’allora sindaco aveva fatto togliere tutte le panchine della città, ora invece la situazione si ribalta: Mestre le fa togliere e Manildo non le vieta più.

Dopo vent’anni, giorni storici questi, perché anziani, bambini e chiunque voglia, ora, nel centro di Treviso, potrà riposarsi all’ombra e leggere il giornale. Con il ritorno delle panchine però, ritornano anche le polemiche.

Giovanni Manildo (Pd) si difende così: ‘’Il nostro obiettivo è di rendere la città più viva, aperta e accogliente. Nel corso degli anni il decoro è stato confuso troppo spesso con la proibizione. Con questo regolamento abbiamo cercato un equilibrio fra la vivibilità e il rispetto della città’’. Accoglienza quindi, questa la parola chiave, poco o per niente usata invece dall’ex primo cittadino Gentilini.

Per l’attuale sindaco infatti, la soluzione leghista era ‘’una soluzione falsa (al problema di ordine e sicurezza pubblica ndr). ‘’Se c’è un uso deviato di un mezzo, non elimino il mezzo, ma creo le opportunità perché sia utilizzato in modo differente e corretto’’ afferma Manildo.

Bivaccare e sporcare rimarranno quindi degli atti punibili con una multa, sia per i vagabondi che per i ragazzi. La giunta democratica ha inoltre aperto le porte della città agli artisti di strada, che l’ex sindaco obbligava a registrazioni e richieste scritte, prima di esibirsi a Treviso.

Gentilini ha così risposto: ‘’Questo succede quando si dà la città in mano ai comunisti. Hanno compiuto due sacrilegi, uno contro l’ordine pubblico annullando le norme del vivere civile e mettendo Treviso nelle mani di gente che beve, gozzoviglia e usa le panchine come dormitori. Il secondo è lo sfregio nei confronti di chi ha dato la vita per la patria, lasciando che si possa bivaccare sui monumenti ai caduti’’.

Sara Prian

[17/04/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

Incontro cittadino sui plateatici: i tavolini di Venezia al posto originale il 31/12

A fine anno scadono le concessioni che hanno consentito di moltiplicare i plateatici a Venezia, lo ha garantito l'Assessore

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

Quando i no vax finiscono in ospedale e cambiano idea sul vaccino. Di Andreina Corso

Aumentano di giorno in giorno le persone contrarie al vaccino, colpite dal Covid, che dopo un’esperienza ospedaliera traumatica scelgono di vaccinarsi e cercano di convincere gli altri a fare altrettanto. Quando la malattia ancora non ti tocca, quando ti è sconosciuta la...

Green Pass obbligatorio: quali sono le regole

Green Pass obbligatorio, la guida: tutte le regole. Dove non si entra senza, come procurarselo, quanto dura, ecc...

Dal 2022 per venire a Venezia si dovrà prenotare

Venezia e overtourism: nel 2022 Venezia potrebbe essere a numero chiuso con tanto di tornelli. Dall'estate 2022 per entrare a Venezia servirà prenotare secondo il progetto. Dopo i rinvii legati anche al Covid, il Comune ha stabilito che il prossimo anno vedrà...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...