0.2 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

Transcendence, la recensione del nuovo film con Johnny Depp

HomeCinemaTranscendence, la recensione del nuovo film con Johnny Depp
la notizia dopo la pubblicità

transcendence

Trascendenza: condizione in cui si può esistere al di fuori o al di sopra di un’altra realtà. Basandosi su questa definizione che descrive anche il principio primo di Dio, Wally Pfister, alla sua opera prima dopo essere stato collaboratore storico di Christopher Nolan, costruisce Transcendence, film dall’impostazione classica, ma che non manca di momenti buoni soprattutto dal punto di vista visivo e di alcuni spunti narrativi.

Will Caster (Johnny Depp) è un ricercatore nel campo dell’intelligenza artificiale che sta lavorando ad una macchina capace di pensare e di avere una propria coscienza, comprese le emozioni umane. I suoi studi, però, lo hanno portato ad avere anche molti nemici. Ad una conferenza, infatti, Will subisce un attentato che mette la sua vita a rischio. Così la moglie Evelyn (Rebecca Hall) e l’amico Max (Paul Bettany) impiantano le sue sinapsi all’interno della macchina da lui creata, salvandogli così la mente. Ma la macchina Will, sarà uguale al Will umano?

Un po’ The East, a tratti persino Her, questo Transcendence è una pellicola che mira molto in alto regalandoci alcuni momenti di riflessione sulla società attuale e su quella del futuro.

Fin dove è giusto spingerci con la tecnlogia per non rischiare di perdere la nostra umanità? Questa è la domanda che si pone Pfister assieme al suo sceneggiatore Jack Paglen, cercando di darne risposta attraverso l’onnipotenza di cui si macchia Will-macchina.

Anche se qui è tutto più visionario e lungimirante, il confronto con la vita di tutti i giorni è presto fatto. Basta guardarsi attorno e vedere le persone soggiogate dalla tecnologia che, come un Dio, le muove. Non ci si parla più se non per messaggio, anche quando si sta assieme un occhio è sempre costantemente sul cellulare o tablet, alienandoci, portandoci un po’ al di sopra di un’altra realtà, trascendendoci al di là di quella stessa realtà che dovremmo invece vivere in prima persona.

Un racconto sui generis che però ha il pregio di installarsi, proprio come una macchina, nelle nostre sinapsi e sottopelle ed è proprio la lunga collaborazione con il visionario Nolan a dare i suoi frutti. E’ evidente la contaminazione subita dall’ex direttore della fotografia da parte dell’autore della trilogia di Batman, nella messa in scena, nelle inquadrature e nell’esplorazione del conscio-inconscio dei suoi personaggi.

Molte sono le tematiche messe in campo e i rimandi ad un cinema sci-fi che influenzano Pfister e Paglen in una sceneggiatura che, come detto ha dei buoni spunti, ma non ha nell’equilibrio il suo punto di forza maggiore, finendo in una seconda parte che, sebbene affascini visivamente, narrativamente diventa troppo spezzettata, mettendo a cuocere troppo carne al fuoco senza sviluppare in maniera completa alcune parti che sarebbero stati sicuramente interessanti.

Transcendence non è sicuramente qualcosa di nuovo, è un film imperfetto con alcuni cali di ritmo qua e là, che però riesce ad affascinare con il suo continuo confronto tra reale e virtuale, tra natura e invisibile, rimanendo nella memoria e regalandoci, proprio nel finale, anche un sprazzo di poesia.

[18/04/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. El simbolismo del paso del tiempo resulta de relevancia para el arreglo floral nipón Ikebana y es evidente para
    el ojo perspicaz.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...

No Vax in strada a Verona, c’è anche il prete: “Draghi e Brunetta, andrete all’inferno”

No Vax e proteste a Verona: in mille in corteo tra cui anche un sacerdote no vax. Si è svolto infatti oggi l'ennesimo pomeriggio di protesta da parte degli schieramenti No Green Pass - No Vax a Verona, dove si sono...

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Amira Willighagen: il video della bambina di 9 anni che fa sbiancare i giudici di Holland got talent

Amira Willighagen è una bambina olandese assolutamente normale, se non fosse per il fatto che ha un dono eccezionale, e il video qui sotto lo sta a dimostrare. Per lei si sono scomodati i più famori critici internazionali, e c'è chi addirittura...

“Controlli Actv alle 7 del mattino per chi va in ospedale, ma non avete altri?”. Lettera

Controlli Actv in motoscafo: controllori alle 7 del mattino due fermate prima di quella dell'Ospedale. Ma volete dirmi che non avete proprio altri o altro da controllare? Settimana scorsa - purtroppo - mi sono dovuta recare per qualche mattina consecutiva all'Ospedale Civile...

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.

Turisti riducono Piazza San Marco pizzeria a cielo aperto: da oggi non pagherò più le tasse

Il prof. Tamborini denuncia che la Polizia Municipale è intervenuta solo dopo molte insistenze e quando ormai non c'era più niente da rilevare. Oltre al fatto che ormai non viene praticamente sanzionato più nulla (neanche agli abusivi), perchè un cittadino deve...