7 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Terremoto a Venezia, la tangentopoli del Mose

HomeNotizie Venezia e MestreTerremoto a Venezia, la tangentopoli del Mose
la notizia dopo la pubblicità

Terremoto Venezia tangentopoli Orsoni Chisso Galan

Gli uccellini hanno cantato, e il loro canto ha scosso tutta la laguna. Perché dal vaso di pandora è uscito uno tsunami che si è abbattuto sul sistema politico ed imprenditoriale veneto.

Mazzette e corruzione all’ombra di quel paravento che per anni ha funzionato anche come parafulmini, il colosso del Mose. Così, ieri mattina, poco prima dell’alba, Venezia si è risvegliata con l’amara sorpresa che rappresenta un primato nella storia della sua Repubblica. Per il suo sindaco, l’avvocato Giorgio Orsoni, gli arresti domiciliari. E in contemporanea, le manette hanno bussato alla porta dell’assessore regionale alle infrastrutture Renato Chisso, l’ex governatore del Veneto oggi parlamentare Giancarlo Galan, l’europarlamentare, ancora per circa un mese, Lia Sartori, il consigliere regionale Giampietro Marchese.

In tutto sono 35 gli arresti, oltre 100 gli indagati e beni sequestrati per 40 milioni di euro. E a cascata, uno dopo l’altro, sono venuti giù tutti dalla Babele, esponenti politici di primo piano, funzionari e addetti ai lavori, segretari e portaborse. Una maxi-inchiesta da cui esce di tutto, dalle scorciatoie procedurali ai via libera delle commissioni, burocrazia agevolata e controlli mancati. L’ex segretaria dell’allora presidente del Veneto Giancarlo Galan ha confermato ciò che gli investigatori avevano portato alla luce negli ultimi tre anni.

Il coinvolgimento dei pesci grossi della politica veneta in uno scenario che tanto ricorda la tangentopoli degli anni ’90 dove però prevaleva l’interesse dei partiti, mentre oggi han preso il sopravvento quelli personali con un sistema più sofisticato che spostava grandi cifre e provocava danni erariali. E nel calderone, si sa, ci finiscono tutti, con danni di immagine che coinvolgono ogni scalino della classe politica e dirigenziale.

Il valzer di false fatturazioni e finanziamenti illeciti creati dal Consorzio Venezia Nuova facevano danzare le lobby del potere, drenando risorse occulte per garantire mazzette a molti zeri. E da mangiare ce n’era per tutti, un flusso ininterrotto di “uscite certificate”, per attività mai svolte, oltre ai soldi in nero, svariati migliaia di euro “una tantum” fino a veri stipendi annuali che sul libro paga del Cvn variavano in base all’influenza e al potere del politico coinvolto.
A Galan si parla di circa un milione di euro all’anno, a Chisso 250 mila euro. Ad Orsoni si contestano finanziamenti illeciti per circa 560 mila euro, a Marchese circa 500 mila e alla Lia Sartori circa 200mila.

E ieri, dopo la conferenza stampa in Procura, si sono mossi tutti in un fremento febbrile, Zaia che tira le redini della regione in conferenza stampa, le opposizioni che in quattro e quattrotto organizzano un sit-in davanti al Comune per chiedere le dimissioni di Orsoni. Tutti si lanciano sulla torta mediatica che lascia spazio agli attacchi, ai ricordi e alle riflessioni. Si teme il commissariamento di Venezia e il futuro di quella città metropolitana di cui si era tanto parlato, ma soprattutto emergono perplessità e interrogativi sull’esito delle utime elezioni, se solo il “boom” fosse scoppiato un paio di settimane fa.

Giorgia Pradolin

[05/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

3 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. non ho parole per commentare quanto accaduto!!!
    questo paese,che ho congtribuito a farlo credescere,
    è diventato una fogna a cielo aperto!!!
    sono vecchio,ma tanto vecchio,ma a questo puntonon credo saremmo mai arrivati.
    la cupidigia,le ambizioni smodate,la superbia,la vigliaccheria,la cupidigia di queste individui non hanno limiti!!!
    povera Italia,sei ridotta a un gran bordelloove comandano
    le puttane,i ruffiani,i magnaccia,gli infami,i ladri,i ricattatori e non quanti altri epiteti potrei usare.
    non in Europa,ma nel più profondo centro della giu.
    ngla africana,con le scimmie ed altri animali selvaggi,e starci perl lungo tempo,fino a rinsavire.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...
spot

Le sirene esistono? Ecco un video reale di pescatori per farvi riflettere e decidere (video non manipolato)

Le sirene sono personaggi leggendari che hanno sempre accompagnato la mitologia di tutte le culture. In tempi moderni la questione si è ulteriormente arricchita grazie all'avvento di telecamere più economiche, così sono cominciati a circolare sedicenti video che le riprendevano. Le sirene...

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....
Advertisements

Guide turistiche abusive a Venezia: giusto multarle, ma chi vuole essere in regola che possibilità ha?

In questi giorni sono state sanzionate molte guide turistiche abusive a Venezia, ma vediamo anche l’altra faccia della questione: per chi volesse lavorare in regola, dopo una laurea sudata e successivi studi, da anni ormai non ha alcuna possibilità di abilitarsi. Sono...

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"