20.9 C
Venezia
martedì 21 Settembre 2021

TERREMOTO IN IRAN, TIMORI PER CENTRALE NUCLEARE

HomeMondoTERREMOTO IN IRAN, TIMORI PER CENTRALE NUCLEARE

La paura è andata subito alla terra attorno alla centrale nucleare di Bushehr, dove già  dieci giorni fa si temeva un possibile «effetto Fukushima» per il terremoto precedente che non era stato comunque così violento. Il terremoto ha colpito nuovamente l' Iran sul confine col Pakistan e si è trattato di scosse lunghe, ripetute, intense. Molto più forti di quelle di dieci giorni fa.
L'Istituto di studi geologici americano ha comunicato che questa volta l'intensità  ha toccato i 7,8 gradi della scala Richter (che ne conta dieci). Un dato che preoccupa, molto.
«Il terremoto più grave dell'ultimo mezzo secolo», dicono i commentatori locali.
In Iran il terremoto è di casa. La regione è nel cuore delle pressioni tra placca africana, arabica ed europea che ogni tanto provocano catastrofi gravissime
alle popolazioni locali, anche con molte vittime.
«L'epicentro del terremoto si trova nella provincia del Sistan-Balucistan e si estende al Pakistan sudoccidentale. Per fortuna è situato a una profondità  di 95 chilometri. Fattore questo che contribuisce a smorzare l'effetto devastante. In superficie i suoi gradi erano ridotti a quattro», sostiene la televisione iraniana.
Si contano al momento in Iran circa 80 morti mentre nel vicino Pakistan sarebbero una trentina, ma il numero è destinato a salire, si tratta di zone in cui i soccorsi arrivano con fatica.

Il Paese era già  in allarme. Solo cinque giorni fa erano morte 37 persone, con oltre 850 feriti, quando la terra aveva tremato a Bushehr, sul Golfo Persico, scatenando grave apprensione per la sorte dell'unica centrale nucleare iraniana causa di antiche polemiche con la comunità  occidentale. Ieri sono dunque stati gli stessi tecnici russi impegnati nel garantire il funzionamento del reattore atomico ad assicurare l'assenza di danni, sebbene questo terremoto sia stato valutato ben 180 volte più grave del precedente.

paolo pradolin
[redazione@lavocedivenezia.it]

Riproduzione Vietata
[17/04/2013]


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor