domenica 23 Gennaio 2022
1.6 C
Venezia

TENNIS, LA GRANDE SFIDA | Vinci – Errani contro Ivanovic Sharapova. A Milano

HomeAltre NotizieTENNIS, LA GRANDE SFIDA | Vinci - Errani contro Ivanovic Sharapova. A Milano

TENNIS | Ci sono eventi nella storia di uno sport che vengono definiti imperdibili per varietà  e potenza di forze in campo, per quanto riguarda il tennis “La Grande Sfida” di Milano è senz'altro uno di questi: le numero 1 del mondo di doppio Roberta Vinci e Sara Errani contro la coppia Ana Ivanovic e Maria Sharapova, sfida prevista al Mediolanum Forum di Assago di Milano.

Luca Ferrari, giornalista/fotoreporter
[email protected]

Potenza devastante da una parte. Tecnica e gioco di squadra dall’altra. Le erinni del singolare contro le saette sincronizzate. A fondo campo. Sotto rete. Passanti e volèe si sfidano. L’inedita coppia di ex-numero 1 del mondo opposte alle regine incontrastate del doppio. Al Mediolanum Forum di Assago (Mi) è di scena il grande tennis. Dopo il match esibizione dell’anno passato tra le sorelle Williams e la coppia nostrana Schiavone/Pennetta, sabato 1 dicembre 2012 a partire dalle h. 16, Roberta Vinci e Sara Errani incrociano le racchette di Maria Sharapova e Ana Ivanovic.

Milano non è solo calcio. Dal 1973 al 2005 il capoluogo lombardo è stato sede di un prestigioso torneo tennistico, con una breve parentesi londinese (1998-2000), che ha visto giocare e vincere campioni del calibro di Bjorn Borg, John McEnroe (4 volte), Ivan Lendl (3), Boris Becker (4), Goran Ivanisevic (2) e Yevgeny Kafelnikov (2), fino all’ultima edizione conquistata dal due volte finalista del Roland Garros, lo scandinavo Robin Sà¶derling. L’appuntamento milanese, che nel corso delle sue innumerevoli edizioni ha cambiato più volte nome e superficie (sintetico, indoor e cemento), ha dato inizio alle imprese vittoriose di due grandissimi campioni. Nel 1984, all’alba dei suoi 41 successi, s’impose lo svedese Stefan Edberg, l’ultimo grande interprete del serve & volley e numero 1 del tennis mondiale nei primi anni ’90. Nel 2001 invece, fu la prima volta dell’immortale Roger Federer, recordman di vittorie nei tornei del Grande Slam (17), e tornato leader della classifica nel 2012 dopo aver conquistato Wimbledon per la settima volta.

Smaltita l’abbuffata di tennis maschile dunque, il presente milanese è femmina. A distanza di vent’anni da quell’unica sfida in rosa (1991) dove il ciclone Monica Seles piegò 64 al terzo set Martina Navratilova e la coppia americana formata da Sandy Collins e Lori McNeil ebbe la meglio sul duo italo-belga Reggi/Appelmans, lo scorso anno il Forum ha fatto da anfiteatro a un match esibizione tra le campionissime Venus e Serena Williams, e la prima tennista italiana a vincere una prova del Grande Slam, Francesca Schiavone, in coppia l’ex-topten Flavia Pennetta. Il successo fu incredibile, con dodicimila persone ad applaudire le protagoniste, che tra uno scambio e l’altro si esibirono anche in un improvvisato balletto sulle note di Beat it di Michael Jackson.

Ora è il momento di Vinci/Errani vs. Sharapova/Ivanovic. Le quattro atlete si sfideranno in tre match da un set ciascuno, due di singolare e uno di doppio. Maria Sharapova ha trionfato su ogni superficie. Il solo difetto della sua carriera è una leadership intermittente, sempre messa in discussione da avversarie più potenti di lei, l’ultima delle quali è la bielorussa Victoria Azarenka, attuale numero 1 del seeding. Ma se fino a qualche anno fa sembrava prospettarsi l’ipotesi di un ritiro anticipato a causa di guai fisici, oggi la potente siberiana è tornata ai suoi livelli migliori e nel 2012 ha trionfato in tre tornei (tra cui Roma e Parigi), raggiungendo anche la finale a Melbourne e ai Giochi Olimpici di Londra. Discorso analogo per la serba Ivanovic, finalmente rientrata ai (quasi) vertici del tennis mondiale e oggi n. 12 della classifica WTA, attesa il prossimo novembre dalla finale di Federation Cup contro le campionesse in carica della Repubblica Ceca guidate dalla regina di Wimbledon 2011, Petra Kvitova.

Ad accomunare le due prossime compagne di squadra, la terra parigina. Il Roland Garros infatti è l’unica prova del Grande Slam che ha conquistato Ana Ivanovic nel 2004, diventando di lì a poco la numero 1 del mondo, e sempre il rosso transalpino ha sancito quest’anno l’en plein di prove del Grande Slam per Maria Sharapova, che ha così completato la serie avendo già  conquistato in passato le altre tre Prove: Wimbledon nel 2004, gli US Open nel 2006 e l’Australian Open nel 2008.

Sara e Roberta. Roberta e Sara. Cichi-Cichi come si sono autodefinite. Da semisconosciute al grande pubblico nostrano (…), a giganti nel mondo sportivo internazionale. Roberta Vinci e Sara Errani sono due ragazze cresciute in fretta, tra i campi di tutto il globo e la solitudine delle sale d’aspetto. Due amiche che si sono sostenute l’un l’altra trovando una straordinaria intesa nel doppio, e divenendo nel giro di pochi anni le regine indiscusse della specialità . Il 2012 è stato la loro consacrazione: otto tornei vinti incluse due prove del Grande Slam, Roland Garros e US Open, più la finale persa in Australia a gennaio. Se a tutto questo si aggiungono anche gli straordinari successi in singolare, il cerchio è davvero perfetto. Roberta è salita come non mai in classifica, arrivando fino al numero 15 e conquistando anche il settimo torneo in carriera, sul cemento del Texas Tennis Open di Dallas, piegando in finale la serba Jelena Jankovic (finalista US Open 2008). Sara quest’anno ha vinto quattro tornei. È arrivata in finale al Roland Garros, persa proprio contro la Sharapova, e in semifinale a New York (nella cui gara dei quarti ha superato l’amica Vinci); in virtù dell’8° posizione del ranking mondiale, a fine ottobre disputerà  il WTA Tour Championships di Istanbul.

Sara Errani e Roberta Vinci vs. Ana Ivanovic e Maria Sharapova. Tocca a voi.

[15/10/2012]


titolo: TENNIS, LA GRANDE SFIDA | Vinci – Errani contro Ivanovic Sharapova. A Milano
foto: VINCI / ERRANI – IVANOVIC / SHARAPOVA (repertorio)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

No Vax in strada a Verona, c’è anche il prete: “Draghi e Brunetta, andrete all’inferno”

No Vax e proteste a Verona: in mille in corteo tra cui anche un sacerdote no vax. Si è svolto infatti oggi l'ennesimo pomeriggio di protesta da parte degli schieramenti No Green Pass - No Vax a Verona, dove si sono...

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...

Salvi abitanti delle isole: possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base

"Salvi", si fa per dire, gli abitanti delle isole: è possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base fino al 10 febbraio. E' tutt'ora considerata un'eccezione, quindi il nuovo documento parla dei soli motivi di salute e di studio, ma è sicuramente...

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott.ssa è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Venezia, San Zaccaria. La sorpresa all’imbarco: ignoti hanno defecato in vaporetto

Venezia, il degrado del comportamento delle persone ha toccato livelli mai raggiunti prima. Questa mattina un vaporetto ha attraccato al pontile di San Zaccaria, ma i viaggiatori che sono saliti a bordo hanno trovato una disgustosa sorpresa. Un passeggero si era appena...

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.