martedì 18 Gennaio 2022
12.3 C
Venezia

TEATRO LA FENICE | Grande successo del Progetto Mozart di Maggio. Oggi Don Giovanni

HomeSpettacoloTEATRO LA FENICE | Grande successo del Progetto Mozart di Maggio. Oggi Don Giovanni

NOTIZIE VENEZIA | Oggi, martedì 30 alle ore 19.00 (turno A) andrà  in scena al Teatro La Fenice Don Giovanni, dramma giocoso in due atti di Wolfgang Amadeus Mozart, primo dei tre capolavori su libretto di Lorenzo Da Ponte che la Fenice proporrà  a rotazione per tutto il mese di maggio (Le nozze di Figaro dal 5 maggio, Così fan tutte dal 12).
Grazie a una struttura scenica unica ‘vestita’ in tre maniere diverse, che permetterà  ai tecnici della Fenice di rinnovare quotidianamente l’apparato scenico, le tre opere potranno infatti avvicendarsi a giorni alternisullo stesso palcoscenico, offrendo al pubblico un coinvolgente percorso nel teatro musicale mozartiano attraverso l’idea drammaturgica unitaria del regista Damiano Michieletto, dello scenografo Paolo Fantin, della costumista Carla Teti e del light designer Fabio Barettin.

Affiancate da quattro concerti al Teatro Malibran dedicati alle ultime sinfonie mozartiane dalla Praga alla Jupiter, le tre opere su libretto di Da Ponte fanno parte di un progetto produttivo organico – il Progetto Mozart – che a giudicare dai dati del botteghino ha riscosso un grande successo: 15000 i biglietti già  acquistati per i tre appuntamenti operistici e 6000 per quelli sinfonici, a conferma dell’interesse del pubblico per progetti di ampio respiro centrati su riletture fresche e originali dei grandi classici.

Proposto per la prima volta alla Fenice nel maggio 2010 e ripreso nel settembre 2011, già  vincitore di un Premio Abbiati (a Paolo Fantin e Carla Teti) e di cinque Opera Award (a Damiano Michieletto, Paolo Fantin,Carla Teti, Alex Esposito per il ruolo di Leporello e all’intero allestimento come miglior spettacolo della stagione 2010) , il Don Giovanni di Damiano Michieletto sarà  interpretato da un giovane e grintoso cast cresciuto nel tempo e consolidato dalla partecipazione a tutte le precedenti tappe del progetto: il ruolo di Don Giovanni sarà  interpretato in alternanza dai baritoni Simone Alberghini, Alessio Arduini e Markus Werba, quello di Donna Anna dai soprani Carmela Remigio e Maria Bengtsson, quello di Don Ottavio dal tenore Marlin Miller, quello di Donna Elvira dal soprano Maria Pia Piscitelli, quello di Leporello dal basso Nicola Ulivieri; Abramo Rosalen sarà  il Commendatore, William Corrò Masetto e Caterina Di Tonno Zerlina. La direzione musicale sarà  affidata, come in tutta la trilogia, al direttore Antonello Manacorda, sul podio dell’Orchestra del Teatro La Fenice e del Coro preparato da Claudio Marino Moretti; maestro al cembalo Roberta Ferrari.

Don Giovanni, dramma giocoso in due atti KV 527 su libretto di Lorenzo Da Ponte derivato dal dramma El burlador de Sevilla y convidado de piedra di Tirso de Molina attraverso il libretto Don Giovanni o sia Il convitato di pietra di Giovanni Bertati, fu rappresentato per la prima volta al Nostitz-Theater di Praga il 29 ottobre 1787 e costituisce (accanto alle Nozze di Figaro e Così fan tutte) il secondo dei tre capolavori teatrali nati dalla collaborazione fra Mozart e il librettista italiano Lorenzo Da Ponte, e uno dei vertici del teatro musicale di tutti i tempi.

La prima di martedì 30 aprile sarà  seguita da sette repliche, sabato 4 maggio (turno B) alle ore 15.30, venerdì 10 (turno E) e martedì 14 (fuori abbonamento) alle 19.00, venerdì 17 (turno C) alle 17.00,martedì 21 (turno D), venerdì 24 (Mozart Trilogy) e martedì 28 (fuori abbonamento) alle 19.00. La recita di martedì 28 maggio rientra nelle iniziative «La Fenice per la città » e «La Fenice per la provincia», rivolte ai residenti nel comune e nella provincia di Venezia e organizzate in collaborazione con le Municipalità  e con l’amministrazione provinciale. Tutte le rappresentazioni saranno proposte con sopratitoli in italiano e in inglese.


[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[30/04/2013]


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando sulle sue gambe ma dopo poche ore è spirata. F.C., signora di 52 anni residente a Lido, mercoledì...

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?