20.6 C
Venezia
venerdì 06 Agosto 2021

Tagli e scuole sporche, incontro in Provincia: “Le scuole presentano condizioni disastrose”

HomeCittà Metropolitana di VeneziaTagli e scuole sporche, incontro in Provincia: "Le scuole presentano condizioni disastrose"

incontro manutencoop provincia assessore d'anna

Oggi venerdì 17 gennaio nella sede della Provincia Mestre l’assessore al Lavoro e Formazione professionale Paolino D’Anna ha incontrato i sindacati di categoria e i responsabili di Manutencoop per fare il punto della situazione circa il taglio delle ore e la situazione critica venutasi a creare nelle scuole per quanto riguarda la pulizia.

Manutencoop è infatti l’azienda che si è aggiudicata la gara bandita dal Ministero dell’Istruzione per le pulizie in Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna. I problemi sono sorti dalla drastica riduzione del monte ore assegnato per la pulizia e il conseguente calo delle buste paga dei lavoratori.

Presenti per Manutencoop Andrea Paoli responsabile dell’Ufficio relazioni industriali e la collaboratrice Cinzia Marafioti; Orietta Vanin assessore alle politiche educative del Comune di Mira, i sindacalisti di Uil Trasporti Daniele Zennaro e Morena De Pieri, di Cgil Filcams Gianfranco Rizzetto e Cinzia Gatto, e di Fisascat Cisl Luca Zuin. Presenti anche una delegazione di lavoratrici.

L’assessore Paolino D’Anna ha dichiarato: «Dobbiamo cercare la soluzione al problema. Tante, troppe parole sono già state dette. Oggi le scuole della provincia di Venezia presentano condizioni disastrose. I lavoratori hanno subìto un ridimensionamento del proprio lavoro ma soprattutto è una situazione insostenibile per gli alunni. Non possiamo permetterci di continuare in questo modo. Oggi in Provincia abbiamo avuto al tavolo il dirigente della Manutencoop perché dovevamo partire per trovare una soluzione. Oggi stesso abbiamo inviato una lettera a tutte le direzioni di circolo e per conoscenza al responsabile dell’ufficio scolastico provinciale Domenico Martino. Abbiamo bisogno di capire scuola per scuola com’è la situazione. In modo che per l’incontro programmato in Prefettura per giovedì possa essere trovata una soluzione. Tra le altre cose è emerso che la maggior parte degli istituti scolastici provinciali non ha ancora formalizzato a Manutencoop la richiesta di acquisto di servizi ulteriori straordinari aggiuntivi extracanone in riferimento alla legge di stabilità. Infatti ad oggi solo una quindicina , su un totale di 68 distretti scolastici, ha inviato tale istanza».

L’assessore ha continuato passando su un piano più generale: «La presidente Zaccariotto, io stesso e tutti gli uffici seguiamo con estrema preoccupazione il versante lavoro. Il caso Manutecoop è diverso ma non meno drammatico. Lo scorso anno come Provincia di Venezia abbiamo seguito 493 vertenze, mentre nel 2012 erano state 380. Per quanto riguarda l’anno appena iniziato si sono già svolti 9 incontri e in calendario solo nella prossima settimana sono già previsti 10 incontri, che comunque – purtroppo – rappresentano l’andamento ordinario del nostro ufficio».

«Stiamo inoltre seguendo, oltre a Manutencoop e Pometon in programma tra oggi e lunedì, le seguenti crisi: Fall. Vinyls Italia, Pansac International in amministrazione straordinaria, Pilkington, AFV Acciaierie Beltrame, Aprilia, Ditec, Fracasso, oltre ai settori dell’edilizia, del vetro, della vigilanza privata e della grande distribuzione. Altra grave partita è il problema dei cambi di appalto, sia nel settore privato, per esempio Fincantieri e Polo Chimico di Marghera, che nel settore pubblico» ha concluso D’Anna.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.