lunedì 17 Gennaio 2022
3.7 C
Venezia

TAGLI ALLA SALUTE | Bambina con malattia rara resta senza assegno

HomeRegione VenetoTAGLI ALLA SALUTE | Bambina con malattia rara resta senza assegno

VERONA | Quando la spending review taglia dove non dovrebbe assolutamente tagliare. E' il caso di una bambina veronese di 10 anni, adottata dai genitori in Sud-America alcuni anni fa, che presenta una grave e rarissima patologia: se mangia carne o legumi rischia di avvelenarsi.
Per questo motivo la sua crescita muscolare è deficitaria e ha bisogno di assistenza. Assistenza che fino a pochi giorni fa era rappresentatada un assegno di 570 euro al mese che adesso l'Inps di Verona ha deciso di revocarle, come fanno sapere dalla Federcontribuenti di Padova: “L’Inps di Verona ha deciso nei giorni scorsi di revocarle l’indennità  di frequenza destinata ad assisterla a scuola, e quella di accompagnamento”.

Per questo motivo, questa mattina, la madre della piccola, accompagnata dai responsabili veronese e nazionale di Federcontribuenti, avrebbe protestato davanti agli uffici dell’Istituto nazionale di previdenza sociale.
In totale, si trattava di una somma di 570 euro al mese, vale a dire neanche 7 mila euro l’anno, che però per la famiglia faceva la differenza.

Un caso che arriva poco dopo quelli delle bambine affette da malattie metaboliche delle provincie di Padova e Vicenza che erano stati portati alla luce da Federcontribuenti il mese scorso.

Il taglio sarebbe dovuto alla legge della spending review, “Soldi che per l’Inps rappresentano una briciola insignificante – avrebbe detto Marco Paccagnella, il presidente nazionale di Federcontribuenti – mentre per quei genitori sono l’à ncora di salvezza, la possibilità  per garantire alla figlia un’insegnate di appoggio o di un fisioterapista. La bambina è affetta da una sindrome rarissima, una patologia che ne compromette lo sviluppo cognitivo a causa di una intolleranza alle proteine animali: se ingerisce carne o legumi rischia di avvelenarsi il sangue fino a morire. La piccola – a causa della malattia genetica, che in letteratura medica è descritta in appena 5 altri casi nel mondo – ha una crescita muscolare insufficiente. La madre è costretta ad acquistare il cibo per la piccola in farmacia, dove gode del sostegno dell’Ulss, ma nonostante questa delicata situazione l’Inps di Verona non trasmette più l’assegno di indennità  di frequenza scolastica. Perché i medici non conoscono la patologia per cui la piccola paziente è in cura al centro delle malattie metaboliche infantili presso la pediatria di Padova. È inaccettabile che la spending review colpisca le persone più deboli”.

Francesca Chiozzotto
[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[16/11/2012]


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi

Capodanno 2022 a Venezia e divieti: feste private con balli fino al mattino

“La serata continuerà fino alle 4:00”, “festa open bar dopocena”, “Dj set dance, revival, house”: con questi e altri slogan vengono pubblicizzati i vari party di Capodanno in programma nei palazzi e negli hotel di Venezia. Nonostante la “stretta” del Governo che...

Dal 2022 per venire a Venezia si dovrà prenotare

Venezia e overtourism: nel 2022 Venezia potrebbe essere a numero chiuso con tanto di tornelli. Dall'estate 2022 per entrare a Venezia servirà prenotare secondo il progetto. Dopo i rinvii legati anche al Covid, il Comune ha stabilito che il prossimo anno vedrà...

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

Venezia. Match tra turiste ubriache per la pantegana. Vince l’animalista per ko tecnico alla 1a ripresa

Il video riporta una scena che si è svolta questa notte a Venezia, nello spiazzo dietro Rialto, di fronte al Fontego. Due ragazze, pare inglesi, sono al culmine di una bella serata, a quanto pare anche ben "allegre". Improvvisamente nasce una discordia....

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...