martedì 25 Gennaio 2022
7.6 C
Venezia

TADAKAZU KIMURA RICEVE IL PREMIO DELLA FENICE

HomeVenezia cittàTADAKAZU KIMURA RICEVE IL PREMIO DELLA FENICE

VENEZIA | Ieri, al termine dell¹acclamata rappresentazione dell' Otello verdiano allestita dalla Fondazione Teatro La Fenice nella nuova Festival Hall di Osaka, il sindaco di Venezia ­ nonché presidente della Fondazione ­ Giorgio Orsoni e il sovrintendente Cristiano Chiarot hanno consegnato il Premio 'Stelle della Fenice nel Mondo' a Tadakazu Kimura, presidente dell¹Asahi Shimbun Company.
Proprietaria del principale quotidiano giapponese, nonché del nuovissimo grattacielo Festival Tower che oltre alla sede del giornale ospita laFestival Hall, Asahi Shimbun ha una lunga tradizione nella promozione di importanti iniziative culturali, prima fra tutte l¹Osaka International Festival, fondato nel 1958 insieme alla prima Festival Hall. Dopo aver organizzato le due tournée giapponesi del Teatro La Fenice del 2001 e del 2005, Asahi Shimbun ha affidato al teatro veneziano l¹inaugurazione della nuova Festival Hall, riaperta il 10 aprile con un concerto di gala dopo cinque anni di lavori che hanno visto la demolizione del vecchio Shin Asahi Building e la costruzione della Festival Tower. Un grande onore per la Fenice, che ha così aperto il 51. Osaka International Festival nel segno della musica italiana, nel bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi.

Nel consegnare a Tadakazu Kimura la preziosa spilla della Fenice in argento e smalto simbolo del Premio ³Stelle della Fenice nel Mondo², il sindaco Orsoni lo ha invitato a Venezia il 10 luglio per la prima di Otello nel Cortile di Palazzo Ducale, regalandogli inoltre una maglia con il logo del teatro e i nomi delle città  che ospiteranno la tournée 2013 della Fenice: oltre a Osaka, Nagoya e Tokyo.

Sentiti i ringraziamenti del presidente Kimura, che ha promesso di tornare a Venezia per visitare il teatro e ha dichiarato che se i Giapponesi hanno sempre amato la Fenice, da oggi, dopo questi splendidi spettacoli, la ameranno ancora di più.

(Nella foto: Fortunato Ortombina , Giorgio Orsoni , Tadakazu Kimura
Presidente di di Asahi Shimbun, Cristiano Chiarot)


[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[12/04/2013]


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

Sciopero Actv di 24 ore lunedì 13 dicembre. I servizi garantiti

AVM/Actv informa che l’organizzazione sindacale CUB Trasporti ha confermato la proclamazione di sciopero di 24 ore per lunedì 13 dicembre. Lo sciopero potrebbe interessare il personale Actv e AVM dei servizi navigazione, automobilistici, tranviari, People Mover, degli uffici AVM (sosta e ztl...

No Vax in strada a Verona, c’è anche il prete: “Draghi e Brunetta, andrete all’inferno”

No Vax e proteste a Verona: in mille in corteo tra cui anche un sacerdote no vax. Si è svolto infatti oggi l'ennesimo pomeriggio di protesta da parte degli schieramenti No Green Pass - No Vax a Verona, dove si sono...

“Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Lettere

In risposta alla lettera “Venezia è ingorda di denaro. Sarebbe l’ora di un progetto sostenibile”. Mi si spezza il cuore ogni volta che vado a Venezia. La mia città dove sono nata e cresciuta e che amo profondamente. Vivo in terraferma da...

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

“So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Lettere

In risposta alla letterea: "Go fato ben a andar via (da Venezia) chea volta e no me dispiaxe proprio”. So venexian de aqua... nato nei anni cinquanta... abito in campagna a Mestre... sì, Mestre per i venexiani... se campagna... anca Mian e...

La confessione di chi è “scappato” da Venezia: “Vetrerie, portieri, bugie…”. Lettere al giornale

In risposta alla lettera al giornale: "Il lusso dei grandi alberghi veneziani porta ricchezza? La confessione di Jacopo, portiere per 5 anni". Il sistema delle vetrerie è stato creato grazie alle sale, praticamente dei supermercati del vetro ( dove gira anche vetro...

Incontro cittadino sui plateatici: i tavolini di Venezia al posto originale il 31/12

A fine anno scadono le concessioni che hanno consentito di moltiplicare i plateatici a Venezia, lo ha garantito l'Assessore

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti