Sull'abbattimento delle nutrie… pensateci bene

ultimo aggiornamento: 21/01/2011 ore 04:32

95

Avevo già  scritto tempo fa al Presidente e al Vice Presidente della Regione Veneto, al Presidente del Consiglio Regionale, ai Presidenti dei Gruppi Consiliari per chiedere che non venisse approvata la legge dello sterminio delle nutrie ma è stato inutile visto che ho appreso che sia l' Ente Parco Sile e la Provincia di Treviso hanno deciso di sterminarle.

Io trovo veramente vergognosa questa decisione, in quanto si sa che la colpa non è delle povere nutrie ma dell' uomo… ovvio, più facile trovare un capo espiatorio e che tanto più non può difendersi che prendersi la colpa ma chi è intelligente e ragiona sulle cose sa benissimo che la realtà  è tutt'altra.

Vogliamo parlare dell'incuria da parte dell'uomo sul territorio? E dello sfruttamento assurdo delle campagne? Questo ovviamente lo avete messo a tacere vero?

Inoltre mi meraviglio che un Ente parco come quello della Sile dovrebbe proteggere tutte le specie di animali che vivono nel suo parco e non ammazzarle o sbaglio anche qua? VERGOGNA!

La Regione Veneto ha stanziato (ben 20 mila euro) per massacrare questi animali e sono tutti soldi pubblici, non credo che il Veneto non abbia altre priorità … forse sarebbe meglio li usasse per aiutare tutti gli alluvionati ma forse li non c'è nessun business per le proprie tasche, anche perchè le nutrie potrebbero essere contenute invece che ammazzate come in molti altri comuni fanno ed è dimostrabile.

Invece di sterminare delle povere nutrie indifese presenti sul territorio perché accusate di causare problemi idrogeologici, pensate agli alluvionati e ai tanti problemi che la vostra regione ha, solo così potete dimostrare di essere all'altezza del vostro ruolo e di essere persone sensibili, rifletteteci sino a che siete in tempo.

Distinti saluti

De Andreis Roberta

[20 gennaio 2011]

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here