4.4 C
Venezia
lunedì 06 Dicembre 2021

Staminali cordonali: migliora la bambina affetta da paralisi cerebrale

HomeMedicinaStaminali cordonali: migliora la bambina affetta da paralisi cerebrale
la notizia dopo la pubblicità

dottoressa martini staminali cordone ombelicale

«Risultati molto positivi», dice Irene Martini (foto) di SmartBank che al Congresso mondiale ESH/NetCord/EuroCord di Montecarlo ha presentato uno studio per migliorare la vitalità delle staminali del cordone ombelicale già durante la gravidanza.

Il quarto congresso mondiale ESH/NetCord/Eurocord sulle “Cellule staminali del cordone ombelicale”, che si è svolto a Montecarlo dal 24 al 27 ottobre, ha celebrato i 25 anni dal primo trapianto di cellule staminali cordonali e i 30.000 trapianti effettuati ad oggi in tutto il mondo proprio nel momento in cui la bambina italiana sottoposta a trapianto di staminali cordonali autologhe lo scorso 21 maggio sta dando risposte positive.

La piccola, che oggi ha 4 anni ed è affetta da paralisi cerebrale fin dalla nascita, è stata inserita nel trial clinico condotto da Joanne Kurtzberg, pediatra della Duke University di Durham, e sta reagendo bene con risultati definiti «fuori dall’ordinario».

Riferisce Irene Martini direttore scientifico di SmartBank, biobanca alla quale i genitori della piccola si sono rivolti per la conservazione autologa delle staminali cordonali della figlia, e che in occasione del congresso mondiale ESH/NetCord/Eurocord ha incontrato Kurtzberg: «Oggi, a distanza di cinque mesi dal trapianto, i risultati sono molto positivi sia nel linguaggio perché ora la bimba si esprime con intere frasi e impara ogni giorno nuove parole, sia nel tono muscolare, sta imparando a muoversi con il deambulatore. Il fisioterapista e il logopedista che la seguono sono molto soddisfatti e hanno definito i risultati raggiunti “fuori dall’ordinario”».

Il successo di questo primo trapianto di staminali cordonali ha spinto i genitori ad effettuare una seconda infusione di cellule staminali autologhe, fissata per il prossimo dicembre. «Un nuovo trapianto che è possibile fare vista la notevole quantità di cellule staminali presenti nell’unità che abbiamo conservato come SmartBank all’Università di Plymouth», sottolinea Martini. Ulteriori valutazioni saranno fatte nell’arco del prossimo anno, «ma già queste lasciano ben sperare sia la famiglia, sia la comunità scientifica», aggiunge.

Grande è l’importanza che viene affidata alle staminali cordonali. Il problema che si pone però riguarda la loro capacità di attecchire in tempi brevi. «E questo – precisa Martini – è garantito solo da un’ampia popolazione di cellule staminali e di progenitori cellulari». A Montecarlo, Martini ha presentato i risultati di uno studio clinico sulla “Ottimizzazione della vitalità delle cellule staminali cordonali dopo somministrazione del DHA durante il terzo trimestre di gravidanza”, condotto dalla stessa direttrice scientifica di SmartBank con un team composto da biologi dell’Università Sapienza di Roma, medici e ostetriche del dipartimento di Ostetrica e Ginecologia dell’ospedale Fatebenefratelli di Roma e ricercatori ISOF del CNR di Bologna.

Lo studio clinico dimostra che la somministrazione di DHA, ovvero acido docosaesaenoico (un acido grasso essenziale della linea Omega 3) nelle donne in gravidanza a partire dalla 20esima e dalla 28esima settimana di gravidanza fino al termine della gestazione, «incrementa la vitalità delle cellule staminali del sangue cordonale, nonché la quantità di cellule differenziate della linea ematopoietica», precisa la direttrice di SmartBank.

«Sono risultati importanti perché permettono di superare l’unico vero limite del trapianto di cellule staminali da cordone ombelicale: la ridotta quantità di staminali presenti in una “unità” di sangue cordonale. Incrementando la vitalità delle cellule staminali si può aumentare le probabilità di successo del trapianto».
Se per Kurtzberg «le cellule staminali del cordone ombelicale hanno un futuro nella terapia cellulare come attivatrici di fattori neurotrofici e capacità anti-infiammatorie», secondo Martini «è necessario che in Italia si dia vita ad una collaborazione pubblico-privato, senza pregiudizi, mettendo a disposizione fondi per la ricerca e dare maggior vigore alla sperimentazione clinica con le cellule staminali».

Redazione

[28/10/2013]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Il Mose funziona ma a Venezia si perdono ‘barene’

Nella Laguna di Venezia l'apporto di sedimenti, che permette alle barene (terre semi emerse con sedimenti spugnosi) di tenere il passo con l'innalzamento del livello del mare, avviene prevalentemente durante eventi dell'acqua alta. Se da un lato l'utilizzo del sistema Mose...

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...

Separazione Venezia – Mestre, che cosa ne pensate? Sondaggio in tre clic

Separazione Venezia - Mestre sì o no? Referendum sì, referendum no. Importanti autorità cittadine affermano che il momento storico della città lo vede necessario ed ora è opportuno. Il sindaco, Luigi Brugnaro, invita, invece, a non andare a votare per 'invalidarlo'...

Identificata baby gang che terrorizza Venezia e Mestre. Brugnaro: “Abbiamo 27 nomi”

Il sindaco di Venezia conferma quanto era nei dubbi e nei timori della gente comune: sono tanti e due-tre, verosimilmente i "capi", sono molto, molto pericolosi. "Sappiamo chi sono. Abbiamo 27 nomi. Due o tre sono particolarmente pericolosi. Mi auguro che qualcuno...

Il Mose funziona ma a Venezia si perdono ‘barene’

Nella Laguna di Venezia l'apporto di sedimenti, che permette alle barene (terre semi emerse con sedimenti spugnosi) di tenere il passo con l'innalzamento del livello del mare, avviene prevalentemente durante eventi dell'acqua alta. Se da un lato l'utilizzo del sistema Mose...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...