20.4 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

Nuovo stadio Venezia, Korablin tra privati e Save

HomeMestre e terrafermaNuovo stadio Venezia, Korablin tra privati e Save

Korablin

Sono ore importanti queste per il destino dello stadio per l’Unione Venezia a Tessera.

Il presidente Yuri Korablin e il suo entourage, infatti, si stanno consultando con i proprietari privati dei terreni per quella che sembra essere una vera e propria trattativa aperta sulle zone dove pende l’opzione da parte di Save.

Una trattativa, questa, che permetterebbe al Venezia di usare l’opzione di cui gode la società aeroportuale e che porterebbe ad uno sconto non da poco sull’acquisto dei terreni.

Attraverso l’opzione Save, infatti, Korablin riuscirebbe a risparmiare circa un milione di euro.

Intanto il Comune è lì che aspetta. Non sono, infatti, previsti, nell’immediato, incontri tra la dirigenza del Venezia e gli amministratori comunali. «Dalla proprietà russa – spiega l’assessore all’Urbanistica Andrea Ferrazzi – ci aspettiamo adesso delle indicazioni, per capire se vogliono realmente acquistare i terreni nell’area interessata dal progetto del Quadrante. La disponibilità a discuterne c’è ed è massima».

Di certo ancora non c’è nulla, ma sicuramente l’incontro tra Save e il Venezia segna un passo avanti nelle trattative che potrebbero sbloccare, finalmente, il progetto dello stadio.

Anche se questo vorrà dire fare in fretta, l’opzione del Gruppo Save che porterebbe uno sconto sui prezzi del terreno, infatti, scade il prossimo 28 febbraio.

Sara Prian

[19/02/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.