7.4 C
Venezia
mercoledì 01 Dicembre 2021

Spagna fuori, celebriamo la morte del tiki taka. Di Mattia Cagalli

HomeCalcio,facciamo il punto. Di Mattia CagalliSpagna fuori, celebriamo la morte del tiki taka. Di Mattia Cagalli
la notizia dopo la pubblicità

Mondiali Spagna va fuori, Cile avanti

Il Tiki-taka è ufficialmente morto e oserei dire… Finalmente!

Il metodo di gioco spagnolo, il più noioso e sopravvalutato di sempre, è ormai storia passata e in questo 2014 abbiamo avuto il colpo di grazia.

La Spagna ha ricevuto il primo avvertimento durante la Confederation Cup, quando in finale contro il Brasile, ha subito un 3 a 0 senza appello.

Quella partita doveva far pensare l’allenatore Del Bosque che invece, è andato dritto per la sua strada, sostenendo più volte che quel modo di giocare è un modo di essere insito degli spagnoli.

La seconda avvisaglia è stato il campionato deludente del Barcellona, che dopo anni non ha vinto nulla e in alcune sfide è parso addirittura una squadra mediocre.

Può essere vero, come sostengono i sostenitori della superiorità calcistica spagnola, che ben cinque squadre sono arrivate alle semifinali e finali Europee ma nessuna di queste applica il tiki-taka. Anzi.. Ancellotti lo ha umiliato.

Il Bayern Monaco dal Real Madrid ha incassato cinque goal in due partite e non è mai riuscito a ribattere al gioco della squadra di Ancellotti.

Eppure anche davanti all’evidenza, sembra che gli spagnoli non vogliano cedere alle loro convinzioni.

Invece servirebbe un nuovo corso, soprattutto tattico e non tanto negli uomini perché, la Spagna è una fucina di talenti provenienti dalle giovanili.

Se i campioni del Mondo in carica subiscono la maledizione di gironi, come la Francia nel 2002 e l’Italia nel 2010, il Brasile non se la passa meglio.

La squadra carioca è probabilmente la peggiore degli ultimi vent’anni e lo si vede sul campo.

Un esordio difficoltoso e con aiutinho contro la Croazia e soprattutto uno zero a zero contro il Messico che rende la qualificazione un po’ più interessante.

Il problema verdeoro è la mancanza di veri talenti a parte Naymar e di una squadra che non sembra nemmeno avere un vero gioco.

Sicuramente, spinti dal pubblico di casa e non solo, i brasiliani arriveranno molto lontano nel torneo ma al momento risultano una delle delusioni del torneo.

La strada è ancora lunga e il clima influenzerà molto le gare; le squadre dovranno essere brave a dosare le forse e il ritmo.

Dovrà essere il pallone a correre sul campo e non i giocatori. Altrimenti resisteranno solamente per i primi quarantacinque minuti.

Una cosa però è probabile, per la prima volta una squadra europea potrebbe vincere dall’altra parte dell’emisfero… E vedendo questa Germania… Basta che non incontri l’Italia.

Un ultimo appunto all’organizzazione brasiliana che, ha fatto passare un gruppo di tifosi cileni senza biglietto in sala stampa ma ha bloccato Diego Armando Maradona all’ingresso. Pur essendo provvisto di tessera stampa.

La scusa ufficiale è che ha sbagliato ingresso (ma non potevano indicargli quello corretto?) ma è molto più probabile che lo considerino un personaggio scomodo… Soprattutto per il presidente Fifa Blatter.

Mattia Cagalli

[20/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Caro capitano Actv ti ringrazio. Lettere al giornale

Caro capitano Actv ti ringrazio. Sono quello che aspettava la corsa del 4.1 al pontile dei Giardini ieri, venerdì mattina alle 7.27. Non è colpa mia se sono una persona anziana. Ho lavorato tutta una vita e adesso ho bisogno di usufruire dei...

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...