24.9 C
Venezia
martedì 27 Luglio 2021

Soldi ai Rom a Vicenza, la gente protesta e il sindaco si corregge: in cambio di lavori socialmente utili

HomeNotizie VenetoSoldi ai Rom a Vicenza, la gente protesta e il sindaco si corregge: in cambio di lavori socialmente utili

sindaco di vicenza achille variati

Pioggia di polemiche direttamente dai suoi concittadini. È quanto accaduto al sindaco di Vicenza Achille Variati, che alcuni giorni fa aveva deciso di concedere alle famiglie Rom della zona, risorse economiche per pagare loro bollette dell’energia elettrica, scelta che ha fatto discutere, tant’è che il primo cittadino si è corretto dicendo: “Riceveranno aiuti economici in cambio di lavori per la comunità.”

109 mila euro (60 mila nel 2013) sarebbe la cifra stanziata finora per riuscire a pagare i conti non saldati dai nomadi dei campi di via Cricoli e viale Diaz, ma nel 2013 sono circa 5 milioni di euro il denaro usufruito per sostegni al reddito (3,9 milioni per affitti e bollette) e servizi d’assistenza (1,1 milioni per pasti e cure mediche).

Il sindaco ha precisato: “Secondo il regolamento ratificato dal consiglio comunale l’amministrazione è obbligata a intervenire con una forma di sostegno al reddito nei casi, certificati, in cui l’Isee sia inferiore a 6440 euro.”

Maggioranza e minoranza si sono coalizzati contro l’idea del primo cittadino ed hanno definito la sua decisione un’indecenza; il Presidente del Consiglio comunale, Felice Formisano (Pd) ha inoltre espresso il suo disappunto, ritenendo l’idea “diseducativa”.

Dal canto suo, Variati non vuol far trapelare niente, ha concluso che la sua maggioranza “ è compatta anche se sulla vicenda possono esserci opinioni diverse” ed in merito ai Rom ha specificato che “tutti i cittadini sono uguali, con gli stessi diritti, e dunque vigono norme identiche per i nomadi così come per tutti gli altri vicentini.”

Per rassicurare i cittadini, ha inoltre specificato che l’amministrazione vigilerà su i nomadi, così come sui cittadini italiani, per contrastare il fenomeno dei “falsi poveri”, ipotizzando anche un “fermo amministrativo dei beni di una famiglia nel caso di mancato pagamento delle bollette.”

Alice Bianco

[22/01/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.