17.9 C
Venezia
sabato 18 Settembre 2021

SERGEY BRIN, FONDATORE DI G IN METROPOLITANA | Aveva occhiali da superman

HomeMondoSERGEY BRIN, FONDATORE DI G IN METROPOLITANA | Aveva occhiali da superman

Uno scorcio di futuro paracadutato in terra. Questo il senso di quanto avvistato nella metropolitana di New York: abbigliamento casual – sportivo, cappellino di lana e, borsettina con la spesetta.
Così è stato 'catturato' Sergey Brin, il fondatore di Google, un uomo dal valore stimato di 17 miliardi di dollari.
Sergey Brin domenica sera era in metropolitana come un qualunque pendolare. La sua foto di passeggero pacifico 'signor nessuno' stafacendo il giro del mondo in rete ed è stata scattata da Noah Zerkin, un cittadino di Brooklyn.
Unico segno che solo qualcuno di molto attento può aver notato: mr. G. indossava un paio di occhiali da fantascienza. Si tratta di un prototipo di occhiali supertecnologici dal valore di circa 1.500 dollari definiti “occhiali a realtà  aumentata”, un altro brevetto di Google chiamato: 'Project Glasses'.
Gli occhiali erano stati semplicemente annunciati finora, ma mai nessuno aveva avuto modo di vederli così da vicino. Arriveranno sul mercato solo nel 2014.
Sergey Brin ha probabilmente voluto provare a vedere l'effetto di usarli in mezzo alla gente, un vero e proprio test per misurare le reazioni delle persone, le proprie e quelle dell'oggetto, proprio in vista della diffusione del dispositivo.
Gli occhiali a realtà  aumentata dovrebbero aumentare le informazioni della realtà  intorno a noi con tutta una serie di informazioni — temperatura, previsioni, problemi del traffico, rallentamenti sulla linea della metropolitana, appuntamenti, telefonate, videotelefonate, navigatore satellitare, social network. Tutte operazioni che oggi albergano su computer, tablet e smartphone.
Aprite gli occhi, il futuro è già  tra noi.

Sergio Dal Bon
[redazione@lavocedivenezia.it]

Riproduzione Vietata
[23/01/2013]


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor