20.4 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

«Se paghi nascondo il tuo debito a Equitalia», dipendente dell’Agenzia delle Entrate di Padova arrestata

HomeNotizie Veneto«Se paghi nascondo il tuo debito a Equitalia», dipendente dell'Agenzia delle Entrate di Padova arrestata

finanza controlli silea

La donna, 61enne, dipendente dell’Agenzia delle Entrate di Padova, avrebbe promesso di bloccare (o quantomeno rallentare) il pagamento di cartelle esattoriali di Equitalia. In caso, avrebbe ‘salvato il malcapitato debitore da eventuali azioni penali promosse davanti a un giudice da parte dall’ente riscossore.

Il prezzo da pagare all’impegata infedele dell’Agenzia delle Entrate di Padova sarebbe stato di 16 mila euro. Sarebbero infatti i soldi che si è fatta consegnare in tre diverse tranches dai titolari di una ditta di cromatura dell’Alta Padovana che a Equitalia doveva circa 500 mila euro.

Ieri mattina per la 61enne è scattato l’arresto con l’accusa di concussione per induzione, al termine di un’indagine condotta dalla Guardia di finanza di Padova e coordinata dal sostituto procuratore Sergio Dini.

La dipendente pubblica è agli arresti domiciliari nella sua casa padovana.

La vicenda ha avuto inizio nel 2012, quando la donna era venuta a conoscenza delle difficoltà della ditta — con sede a Loreggia, sempre nella provincia di Padova — di saldare il debito nei confronti di Equitalia. E a quel punto l’impiegata dell’area «verificatori e riscossori» degli uffici padovani, avrebbe fatto arrivare ‘il messaggio’ attraverso la madre dei due fratelli contitolari della società di cromatura.

Le minacce psicologiche alla madre, preoccupandola, paventavano la prospettiva di «lasciare da soli nipoti piccoli», così sarebbero state pagate tre tangenti per un totale di 16 euro.

Dopo un po’ di tempo la donna sarebbe tornata alla carica con richieste di altro denaro sempre più pressanti, così gli interessati hanno deciso di denunciare tutto alla Guardia di finanza di Padova.

Ora le fiamme gialle devono scavare nel passato della donna, analizzando il suo computer e i conti correnti per il sospetto che il caso da cui è nata l’inchiesta non sia l’unico.

Redazione

[15/04/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.