20.9 C
Venezia
martedì 21 Settembre 2021

Scontri no global – polizia, Ciambetti: ‘I centri sociali hanno cercato lo scontro’

HomeNotizie Venezia e MestreScontri no global - polizia, Ciambetti: 'I centri sociali hanno cercato lo scontro'

roberto ciambetti regione veneto

“Le devastazioni di oggi a piazzale Roma da parte dei Centri sociali e dei No-Global, con lanci di pietre, spranghe pronte alla bisogna, bombe carta sono tra le più odiose manifestazioni di cieca violenza, stupidità politica e intolleranza che una città come Venezia ha dovuto sopportare”.

L’assessore regionale al bilancio e agli enti locali del Veneto Roberto Ciambetti ha severamente condannato gli scontri tra Polizia e Centri sociali che hanno messo a soqquadro piazzale Roma oggi pomeriggio.

“I centri sociali hanno cercato lo scontro – ha detto Ciambetti – e questo è intollerabile e altamente pericoloso in una situazione di estrema delicatezza come quella di questi giorni sul fronte dell’ordine pubblico. Gli avversari politici si sconfiggono con la coerenza, l’onestà, con la cultura e l’intelligenza: l’odio genera odio e non porta da nessuna parte”

“I centri sociali avevano già cercato lo scontro fisico a Milano in occasione delle celebrazioni ufficiali per i 44 anni della strage di Piazza Fontana contestando sia il presidente della Regione lombarda, Roberto Maroni, sia il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia: no-Global, no-questo no-quello, si sentono autorizzati a distribuire patenti da fascista a loro comodo, ma hanno gli stessi modi, la stessa sicumera e strafottenza dei peggiori squadristi”.

L’assessore veneto, dopo aver ricordato che anche a Vicenza non erano mancate forti tensioni a causa dei Centri Sociali ha notato come “L’unico dato positivo di queste ultime ore è che la violenza degli antagonisti a Venezia, come quella dell’altro giorno a Milano dei no-global, permette di distinguere nettamente, senza se e senza ma, e di meglio capire, la protesta dei ‘forconi’: questi ultimi in Veneto non sono mai trascesi e la loro legittima indignazione non si è mai trasformata in violenza”.

“Certo, non sono mancati disagi o momenti di tensione e mi auguro che la protesta dei forconi non finisca per colpire lavoratori e imprese che in questi giorni non hanno esattamente bisogno di ulteriori difficoltà. Ma è anche giusto sottolineare l’immensa differenza tra la protesta dei forconi, che cercano di contrastare uno stato ingiusto, e la violenza dei no-global, no-questo no-quello, che scendono in campo armati e attrezzati per la guerriglia urbana senza sapere dove si rischia d’andare a finire lungo la strada della violenza politica, una strada che il Veneto ha purtroppo e fin troppo conosciuto e proprio per ciò condanna” ha concluso l’assessore Ciambetti.

Redazione

[14/12/2013]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor