Sciopero trasportatori a Venezia, a rischio pasti scuole e rifornimenti farmacie

73

venezia traffico acqueo barche

Non si possono neanche fare previsioni, perchè una mobilitazione così di massa non ha precedenti. Trasportatori, padroncini, motoscafisti, tutti in lotta con il Comune e tutti in sciopero da mercoledì.

Dalla mezzanotte di oggi vi saranno problemi di rifornimento per frutta e verdura, pesce, prodotti per la casa, merci nei negozi e giornali e riviste per le edicole a Venezia. A rischio anche i pasti delle mense, comprese scuole e asili.
Va sottolineato che gli approvvigionamenti riguardano solo i trasporti con barca, quindi, in caso di necessità, basterà spostarsi da Piazzale Roma alla terraferma per gli acquisti. I trasporti pubblici, infatti, correranno regolarmente.

I trasportatori acquei iniziano così un braccio di ferro contro il Comune sui 26 punti studiati per decongestionare il Canal Grande, non volendo subire le stringenti regole approntate dal Comune e chiedendo di aprire un ulteriore tavolo di confronto che arrivi a trovare l’intesa con le categorie.

Trasportatori e motoscafisti contestano, tra l’altro, i limiti orari imposti da Ca’ Farsetti: a Rialto le consegne sono vietate tra le 11 e le 14.30 e i taxi non in turno se non hanno servizi prenotati non possono circolare tra rio di Ca’ Foscari e rio di Noale tra le 8 e le 16.

Il Comune tuttavia non sembra disposto a fare marcia indietro: «Abbiamo chiesto un incontro al sindaco e non ci ha ricevuto» hanno protestato ieri i rappresentanti delle categorie.

Ed ora si attende l’inizio dello sciopero ‘delle merci’ con un po’ di apprensione per i ‘soggetti deboli’, ad esempio nei casi dei pasti dei bambini o dei farmaci delle farmacie.

Giorgia Pradolin

[12/11/2013]

Riproduzione vietata

Riproduzione Riservata.

 

2 persone hanno commentato questa notizia

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here