20.4 C
Venezia
domenica 26 Settembre 2021

Sanità in Veneto, la riforma. “Dopo 17 anni di latitanza, varato il piano industriale della Sanità”

HomeNotizie VenetoSanità in Veneto, la riforma. "Dopo 17 anni di latitanza, varato il piano industriale della Sanità"

zaia regione veneto

«L’ospedale del futuro è quello senza letti, se non per gli acuti […] In generale, il Veneto ha una degenza media di 7 giorni, contro i 30 di altre regioni». Queste sono le parole di Luca Zaia dopo che finalmente si è potuto iniziare a dare il via alla riorganizzazione delle rete ospedaliera veneta.

Il Veneto, secondo le parole del Presidente Zaia, si prepara a specializzarsi. Non dovremo più solo affidarci al medico di base che sa fare un po’ di tutto, ma potremo rivolgerci a «poli specializzati e tra loro in rete, più aggressivi nel contrasto alle malattie».

Ogni centro sarà incaricato di occuparsi di una certa malattia, fornendo al malato il meglio che può ottenere in termini clinici, esperienza e attrezzature. Un’ esempio fatto da Zaia riguarda le donne malate di cancro al seno: «E’ impensabile che una donna, già afflitta da una malattia così seria, debba anche cercarsi da sola l’oncologo, il chirurgo, lo psicologo. E’ giusto accompagnarla nel percorso, concentrandolo in un’unica sede. E’ un gesto di grande civiltà, che sto pensando di allargare all’uomo, con le Unità per la prostata».

E’ ovvio che non servono solo dottori esperti e cliniche per curare le malattie. Il tutto deve, infatti, essere coadiuvato da attrezzature all’avanguardia. Zaia, assicura, che ogni anno la regione spende 70 milioni per permettere ai malati di essere sottoposti ai macchinari più nuovi ed innovativi.

La riduzione del 21 Usl, invece, non è per ora una priorità mentre le aperture notturne delle cliniche permetterà di migliorare ancora di più il problema delle interminabili liste d’attesa.

Sara Prian

[30/09/2013]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor