24.9 C
Venezia
martedì 27 Luglio 2021

San Marco, terra di abusivi: venditori minacciano cameriere

HomeNotizie Venezia e MestreSan Marco, terra di abusivi: venditori minacciano cameriere

caffe ristorante quadri venezia piazza san marco

Piazza San Marco di Venezia? Terra di abusivismo e di gang che si ‘spartiscono’ il territorio. Storie vecchie di venditori di grano, palline di gomma, cinture e borse, che ritornano, ma forse alzando l’asticella del livello di sicurezza percepita.

La pubblica denuncia la fa nientemeno che lo storico Caffè Quadri di piazza San Marco. I titolari sono arrivati ad affiggere un avviso sulla porta del locale: «Piazza San Marco è nelle mani dei venditori abusivi bengalesi. E’ triste vedere che è il loro territorio».

La gravità di quanto accaduto dal loro racconto: «L’altra sera, con l’acqua alta, i clienti faticavano a raggiungerci. E così ho mandato un cameriere a prenderli in Bacino Orseolo con degli stivali di gomma». Appena girato l’angolo, il cameriere è stato affiancato da tre cittadini bengalesi. «Gli hanno detto “Tu non puoi vendere stivali, questo è il nostro territorio”. Lui ha risposto che non doveva venderli, che doveva solo accompagnare dei clienti, mostrando loro che era in divisa. Non è bastato. Quando è arrivato in bacino Orseolo se ne sono aggiunti altri, l’hanno accerchiato impedendogli di arrivare dagli ospiti. A questo punto i clienti se ne sono andati, e noi abbiamo perso un tavolo di tre persone: oltre al danno d’immagine, anche quello economico».

Per il fatto è stata presentata denuncia ai carabinieri: «Non voglio fare alcuna polemica contro le forze dell’ordine o il Comune – ha dichiarato Alajmo, proprietario – i controlli ci sono, li vediamo. Ma forse non bastano, c’è un vuoto normativo su come affrontare la situazione. Combatterli è come rastrellare la sabbia. Capisco la necessità di questa gente che deve vendere a tutti i costi, ma la loro libertà deve finire quando inizia il nostro disagio. Se io mi mettessi in piazza a vendere bibite abusivamente lo potrei fare senza conseguenze?».

Paolo Pradolin

[15/02/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.