COMMENTA QUESTO FATTO
 

badante picchia anziana ammalata

Maxi operazione quella compiuta stamane dalla squadra mobile di Rovigo nella struttura ‘’Istituti polesani’’ di Ficarolo (Ro), specializzata nell’assistenza a persone anziane e disabili. Sono stati arrestati dieci operatori sanitari, accusati di maltrattamenti nei confronti dei pazienti ospitati.

Agli “Istituti Polesani Ficarolo” l’indagine, coordinata dal sostituto procuratore Monica Bombana, va avanti da alcuni mesi e fa parte di una più vasta operazione, estesa a tutta Italia. Gli arrestati, sette donne e tre uomini, sono finiti in manette grazie all’ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari.

Durante le indagini sono stati analizzati diversi filmati provenienti dalle telecamere nascoste all’interno della struttura, che hanno così consentito agli inquirenti di monitorare la situazione. Gli operatori sanitari maltrattavano gli anziani e i disabili con percosse e gesti violenti nei loro confronti.

Le forze dell’ordine, tra la notte scorsa e stamattina, hanno così raggiunto al proprio domicilio gli accusati e per loro sono scattate le manette.

Già alcune settimane fa, qualche sentore e preoccupazione da parte dei famigliari di alcuni pazienti, che avevano notato lividi ed ecchimosi sul corpo dei loro familiari aveva costretto i vertici della struttura e il sindaco del paese ad indire una riunione per assicurare che tutto fosse in ordine e gli ospiti della struttura trattati con le dovute cure, ma a quanto pare la situazione era ben diversa.

Le indagini sono ancora in corso, per accertare eventuali responsabilità da parte di altre persone, anche esterne alla struttura. A Milano intanto, la Guardia di Finanza ha scoperto un’altra edificio simile dove i pazienti oltre ai maltrattamenti fisici e psicologici, venivano puniti e costretti ad alzarsi dal letto anche alle 4 del mattino.

Redazione

 
ASSOCIAZIONE LA VOCE DI VENEZIA 5X1000
 

[20/06/2014]

Riproduzione vietata

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here