0.2 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

Rinnovo dell’Accordo nazionale per l’erogazione delle prestazioni termali

HomeNotizie VenetoRinnovo dell'Accordo nazionale per l'erogazione delle prestazioni termali
la notizia dopo la pubblicità

Rinnovo dell'Accordo nazionale per l'erogazione delle prestazioni termali

In Commissione Sanità arriva la delibera di recepimento dell’Intesa della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Provincie Autonome di Trento e Bolzano sull’Accordo nazionale per l’erogazione delle prestazioni termali per il biennio 2013-2015. La richiesta è quella di togliere il tetto rivolto a chi deve effettuare cure termali e proviene da fuori regione.

L’accordo prevede che Regioni e Provincie autonome procedano al rinnovo della parte economica dell’accordo per l’erogazione delle prestazioni termali per il triennio 2013-2015, nei limiti delle risorse rese disponibili dall’art. 1, comma 178, della legge 24 dicembre 2012, n. 228 (legge di stabilità per l’anno 2013), rappresentando l’impossibilità di mettere a disposizione risorse proprie, sia per l’anno 2013 che per gli anni successivi, stante la riduzione del finanziamento dei servizi Sanitari Regionali, determinata dalle misure prese dal Governo per fronteggiare la crisi economica.

Emanuele Boaretto degli albergatori di Abano Montegrotto ha dichiarato: “Grande preoccupazione per i tetti della delibera della Regione Veneto. La delibera ci mette in serie difficoltà, vogliamo ricordare e ribadire che la cura termale ha una ricaduta sul territorio e socio-economico. Termini di risparmio per la stessa sanità pubblica, benefici riconosciuti della fango terapia. Trovare una soluzione sul tetto di spesa, perché le aziende che hanno investito sperano di portare a casa più lavoro”.

Secondo Giulia Zanettin di Confindustria: “C’è Grande preoccupazione ad Abano Terme e Montegrotto per questo tetto che ci porta a soffrire ancora di più. Proposta: togliere il tetto delle prestazioni sanitarie. Superando il tetto chi arriva poi con la ricetta devo rispondere “no”. E siamo anche costretti a licenziare gli addetti del reparto. Le cure non vengono più pagate oltre il tetto. Con una Perdita di circa 1 milione di euro di indotto nel paese”.

Il presidente della Commissione Sanità, Leonardo Padrin, ha così concluso: “E’ necessario intervenire con urgenza sulla delibera regionale che, pur condividendone i principi, non è applicabile positivamente al bacino termale perché composto da oltre 100 realtà che hanno storia e prospettive diverse. Se non si interviene si rischia di indebolire ulteriormente una realtà occupazionale ed economica preziosa per il nostro Veneto”.

Redazione

[26/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

DEMOCRAZIA? Gnanca su le scoasse! E io pago per l’immondizia tenuta in casa

Sarà l’età con tutti i prò e tutti i contro, sarà che mi giro attorno e vedo andar tutto al rovescio, anche se la buona vista non mi manca ma, da un po’ di tempo sono cambiata, DEVO protestare, perché quello...

La confessione di chi è “scappato” da Venezia: “Vetrerie, portieri, bugie…”. Lettere al giornale

In risposta alla lettera al giornale: "Il lusso dei grandi alberghi veneziani porta ricchezza? La confessione di Jacopo, portiere per 5 anni". Il sistema delle vetrerie è stato creato grazie alle sale, praticamente dei supermercati del vetro ( dove gira anche vetro...

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott. Dina Sandon è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

Venezia. Match tra turiste ubriache per la pantegana. Vince l’animalista per ko tecnico alla 1a ripresa

Il video riporta una scena che si è svolta questa notte a Venezia, nello spiazzo dietro Rialto, di fronte al Fontego. Due ragazze, pare inglesi, sono al culmine di una bella serata, a quanto pare anche ben "allegre". Improvvisamente nasce una discordia....

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...

Nata Cassa Mutuo Soccorso per sostenere operatori sanitari che resistono al vaccino

Riceviamo e pubblichiamo. E' NATA LA CASSA DI MUTUO SOCCORSO , per sostenere ECONOMICAMENTE UN OPERATORE SANITARIO IN LOTTA CONTRO UN SOPRUSO, la sperimentazione vaccinale del decreto legge 44 art 4, che impone un vaccino che vaccino fino al 2023...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando sulle sue gambe ma dopo poche ore è spirata. F.C., signora di 52 anni residente a Lido, mercoledì...

Separazione Venezia – Mestre, che cosa ne pensate? Sondaggio in tre clic

Separazione Venezia - Mestre sì o no? Referendum sì, referendum no. Importanti autorità cittadine affermano che il momento storico della città lo vede necessario ed ora è opportuno. Il sindaco, Luigi Brugnaro, invita, invece, a non andare a votare per 'invalidarlo'...

Chi volontariamente non si vaccina ruba un pezzo di probabilità di evitare la dissoluzione del genere umano. Lettere

Con la propaganda No-Vax io non riesco a discutere né a confrontarmi perché si tratta di un Extramondo *(una specie di Vandea del XXI secolo)* nel quale non riesco neanche a respirare. La Storia non si muove in senso vettoriale ma circolare...

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.