4.4 C
Venezia
lunedì 06 Dicembre 2021

Rigoni di Asiago: “I nostri mirtilli sono sicuri non solo per natura ma anche per legge”

HomeLettereRigoni di Asiago: "I nostri mirtilli sono sicuri non solo per natura ma anche per legge"
la notizia dopo la pubblicità

marmellata mirtilli rigoni asiago

Il tam tam mediatico di questi ultimi giorni ha creato un’allerta tra i consumatori: un lotto di Fiordifrutta Mirtilli Neri è stato bloccato in Giappone causa presenza radioattiva superiore alle norme vigenti in quel Paese.

Andrea Rigoni, amministratore delegato di Rigoni di Asiago, imprenditore da sempre ritenuto più che scrupoloso e attento alla produzione della sua Azienda, documentata dai minuziosi controlli e dalle certificazioni che ne attestano l’assoluta alta qualità, dichiara:

1) CAUSA DEL RITIRO
“Il ritiro del prodotto dal mercato non è dovuto a un’allerta di tipo sanitario ma a una sua irregolarità in riferimento alla normativa di legge giapponese, molto più restrittiva di quella di tutti gli altri Paesi del mondo (da 6 a 12 volte)

2) DICHIARAZIONI DELL’IMPORTATORE
Il nostro importatore e distributore in Giappone si è assunto la responsabilità dell’accaduto e soprattutto quella di non aver informato Rigoni di Asiago dei nuovi limiti richiesti dalla normativa giapponese. Limiti che, non essendone a conoscenza, non ha potuto osservare con il rigore che la contraddistingue.

3) FILIERA DI PRODOTTO
Rigoni di Asiago ha sempre dichiarato sia attraverso comunicati ufficiali sia attraverso il suo sito capillarmente aggiornato, l’origine della frutta che utilizza per produrre le confetture Fiordifrutta. In particolare, per i Mirtilli neri, biologici e controllati come tutta l’altra frutta, è da sempre stata indicata la loro provenienza dalla Bulgaria.

4) CONTROLLI
Materia prima: Rigoni di Asiago svolge regolarmente tutti gli anni un’attività di controllo della presenza di radioattività in tutte le zone di raccolta dei Mirtilli neri selvatici, anche se non prevista e non richiesta dalla legge. I controlli svolti sulla materia prima nel corso del 2012 (di cui è possibile prendere visione sul nostro sito web rigonidiasiago.it) sono stati fatti su tutte le aree di raccolta in Bulgaria e hanno dato un esito totalmente rassicurante in quanto la contaminazione radioattiva era praticamente assente.

Prodotto finito: a puro titolo informativo forniamo, sempre sul nostro sito web, l’esito dell’attività di controllo svolta su alcuni lotti di Fiordifrutta Mirtilli neri nel corso del 2013 e degli anni precedenti. Operazione svolta sia da Rigoni di Asiago sia dall’Autorità Sanitaria di Controllo. Dai risultati di questi controlli si riscontra che il prodotto non solo è a norma di legge ma è di poco superiore allo zero.

Andrea Rigoni, sorpreso e dispiaciuto per una notizia che è stata presentata in Italia dai media in maniera distorta e allarmistica con questa dichiarazione intendere dissolvere i dubbi che possono essere sorti nei suoi affezionatissimi clienti ma, soprattutto, rassicurarli per quanto riguarda l’attenzione dell’Azienda alla qualità, al benessere e alla salute. Peculiarità che sono alla base di quella “bontà” che da oltre un secolo di attività accompagna i suoi prodotti, una bontà che nasce proprio dalla filosofia e dalla volontà di dare sempre il meglio al consumatore, nel rispetto della natura e delle leggi.

l’Amministratore Delegato dell’Azienda Veneta Rigoni di Asiago
Andrea Rigoni

[30/10/2013]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Lettere

"L'unica ricchezza per Venezia è il turismo e un turismo molto sostenuto è l'unico che può dare delle entrate a tutti".

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

19enne di Pianiga trovato morto a Padova. La disperazione della famiglia. Di Andreina Corso

Un ragazzo muore a 19 anni a Padova, all’interno di un capannone abbandonato poco distante dal Parco delle Mura, frequentato da chi si trova a vivere in strada, a cercare riparo e rifugio per la notte che sembra coprire con una...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott. Dina Sandon è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...

Venezia e flussi turistici, Brugnaro: “Contributo d’accesso e prenotazione con app”.

A Venezia si ritorna a parlare di regolamentazione dei flussi turistici. Lo ha fatto oggi il sindaco Luigi Brugnaro, a proposito del "Contributo di accesso" (il ticket per Venezia). Una 'app', in soldoni, darà le chiavi per entrare sulla base dell'affluenza tipica in...

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...