4.4 C
Venezia
lunedì 06 Dicembre 2021

Ricerche sull’infelicità: Stare molto su Facebook rende più tristi

HomesocietàRicerche sull'infelicità: Stare molto su Facebook rende più tristi
la notizia dopo la pubblicità

facebook pagina

Niente può sostituire i rapporti tra gli esseri umani, nemmeno i social network così tanto utilizzati e che hanno ridotto il contatto tra persone ad un mero commento o ad un semplice, quanto freddo, “mi piace”.
Ma interagire di persona e su queste piattaforme porta allo stesso tipo di felicità? A quanto pare no.

Uno studio, infatti, ha preso come campione un gruppo di ragazzi universitari e ha testato tra di loro la gratificazione che ricevono dall’interazione con gli amici su Facebook. I risultati hanno mostrato come dopo una chiacchierata sul social network si tenda a sentirsi peggio, più infelici.

Come si è svolto lo studio? I ricercatori hanno fatto prima compilare un semplice questionario sul livello di soddisfazione della vita di questi studenti e, subito dopo, alle “cavie” sono stati inviati dei messaggi cinque volte al giorno per due settimane. I ragazzi erano tenuti a rispondere a domande tra le quali come si sentivano in quel momento, per quanto avevano usato Facebook ecc.. Alla fine del test i partecipanti hanno risposto di nuovo al questionario sulla soddisfazione della loro vita.

I risultati parlano chiaramente: tanto più i soggetti usavano Facebook, tanto più il loro stato d’animo era negativo. E questo aumentava se, prima di usare il social network, avevano avuto dei contatti sociali diretti che gli permetteva, anche inconsciamente, di fare un confronto tra il “face to face” e il “facebook to facebook”.
Non bisogna dimenticare però che i soggetti che avevano utilizzato di più Facebook erano quelli che avevano già un calo nella soddisfazione della propria vita all’inizio dell’esperimento.

Ovviamente questo studio ha delle limitazioni dovuto al target su cui si è studiato e sarebbe interessante vedere come i risultati potrebbero cambiare variando l’età dei partecipanti (qui poco più che 19enni), ma anche cambiando social network come Twitter o Tumblr.

Nonostante questo la ricerca permette di riflettere ancora una volta sui rapporti sociali e come essi, negli ultimi anni, si siano trasformati e raffreddati dietro ad uno schermo che nasconde le nostre emozioni.

Sara Prian

[13/10/2013]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

Reliquie Santa Lucia da Venezia alla Sicilia con assistenza della Polizia

Santa Lucia da Venezia alla Sicilia Domenica 14 dicembre, la Polizia di Stato accompagnerà “Santa Lucia” nel suo prossimo viaggio in Sicilia. Alle 7:30 del mattino le spoglie della Santa saranno portate, con imbarcazioni della Polizia di Stato, dalla basilica dei Santi Geremia...

I plateatici dei bar di Venezia tornano al loro posto

I plateatici di Venezia torneranno al loro posto originale il 31/12/21 "rientrando" dalle espansioni concesse per compensare il lockdown.

Tornelli a Venezia nel 2022 perché quest’anno è invasione di turisti

Venezia quest'anno sta subendo una vera e propria invasione di turisti, tornati in massa come e più del 2019, per questo dal 2022 arriveranno i "tornelli". La misura è stata annunciata dal sindaco, assieme alla prenotazione e ad una 'app'....

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...

19enne di Pianiga trovato morto a Padova. La disperazione della famiglia. Di Andreina Corso

Un ragazzo muore a 19 anni a Padova, all’interno di un capannone abbandonato poco distante dal Parco delle Mura, frequentato da chi si trova a vivere in strada, a cercare riparo e rifugio per la notte che sembra coprire con una...

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...