REYER BABY | L'Umana nel centro nascite di Piove di Sacco

ultimo aggiornamento: 21/07/2013 ore 22:00

250

Arriva a quota 10 il numero di ospedali del territorio metropolitano aderenti al progetto “Reyer Baby”.
NOTIZIE REYER | L’ ospedale “Immacolata Concezione” di Piove di Sacco è entrato a far parte dell’iniziativa dell’Umana Reyer che si propone di divulgare un sano spirito sportivo per una leale competizione. L’Umana Reyer ha fatto visita al reparto di Ostetricia dell’Ospedale di Piovedi Sacco dove il dirigente orogranata Morris Ceron ha consegnato personalmente i Kit Reyer Baby al Primario di reparto Dott.ssa Daniela Truscia e alla coordinatrice ostetrica Sig.ra Marina Semenzato che hanno accolto molto volentieri l'iniziativa: “E' un progetto lodevole e vi aderiamo con entusiasmo, siamo contenti di poterlo diffondere in tutto il Piovese”, ha dichiarato la Dott.ssa Truscia. Insieme al Primario e alle ostetriche il dirigente orogranata ha poi consegnato il primo kit alla famiglia di un nuovo nato all'ospedale Piovese.
L’ “Immacolata Concezione” è il punto nascita dell’ Ulss 16 di Padova dove ogni anno vengono al mondo più di 500 neonati provenienti dai comuni di Padova, Piove di Sacco, Codevigo, Cavarzere, Legnaro, Pontelongo, Corbezzola, Polverara e Campolongo Maggiore.

Con l’ingresso dell’ “Immacolata Concezione”, l’iniziativa Reyer Baby arriva dunque a quota 10 ospedali del territorio metropolitano coinvolti. Sono 50.000 i Kit Reyer Baby consegnati a oggi, a sei anni dal lancio dell’iniziativa. Un risultato straordinario che è stato raggiunto grazie al coinvolgimento e alla collaborazione degli ospedali SS. Giovanni e Paolo di Venezia, Ospedale dell'Angelo di Mestre (ex Umberto 1°), Villa Salus di Mestre, Civile di Dolo, Ospedale di Mirano, Ospedale di Chioggia, Ospedale di San Donà  di Piave, Ospedale di Camposampiero e di Oderzo. L’allargamento territoriale ha reso possibile una crescita esponenziale dei numeri dell’iniziativa al punto che l’Umana Reyer ha creato una nuova confezione per il kit Reyer Baby anche per agevolarne la distribuzione su scala più ampia.
Dei cofanetti fino ad ora consegnati, in base ai dati ricavabili dai coupon compilati, risulta che i neonati che fino ad ora hanno ricevuto il kit appartengono a ben 20 province diverse tra le quali quelle venete sono così suddivise in percentuale: 50% Venezia, 30% Padova, 18% Treviso, 1% Rovigo, 0,5% Vicenza.

Il progetto Reyer Baby prevede consegna gratuita a tutti i neonati presso le strutture ospedaliere del territorio metropolitano del cofanetto “Benvenuto al mondo”, contenente una maglietta da neonato della Reyer, una lettera di descrizione dell'iniziativa tradotta in inglese, francese, rumeno, cinese e arabo, e un coupon da compilare con i dati del neonato che dà  la possibilità  di ritirare presso il Reyer Store di Via Palazzo a Mestre un gadget Reyer e una tessera Baby Supporter, che consente l'ingresso gratuito alle partite per il bambino valida fino al compimento del 12° anno di età .

L’Umana Reyer ringrazia tutti i direttori generali, primari, coordinatori di reparto, ostetriche, infermieri e tutte le persone che con il loro contributo e la loro dedizione contribuiscono a portare avanti questo importante progetto sociale.

redazione
[redazione@lavocedivenezia.it]

Riproduzione Vietata
[24/07/2013]


Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here