3.2 C
Venezia
lunedì 06 Dicembre 2021

Referto oncologico non consegnato: Poste di Conegliano commissariate

HomeNotizie VenetoReferto oncologico non consegnato: Poste di Conegliano commissariate
la notizia dopo la pubblicità

poste ufficio postale

La vicenda del referto di importanza grave inviato dalla Ulss e giacente nell’ufficio postale per carenze di organizzazione e personale delle Poste ha fatto indignare l’opinione pubblica.

Tanto che ieri mattina l’ufficio postale in questione è di fatto «commissariato».

Si tratta del ‘Centro postale di distribuzione di Conegliano’, da cui dipende l’ufficio di Mareno di Piave, dove solo il 16 gennaio e soltanto con l’intervento dei carabinieri di Susegana era stata ritrovata la busta attesa da una 43enne malata di cancro, contenente il risultato di un esame diagnostico effettuato il 19 dicembre e affrancata ancora l’ultimo giorno dell’anno scorso.

Poste Italiane ha fatto le sue scuse alla signora (dopo l’intervento dei carabinieri e dopo che il fatto ha preso rilevanza nazionale), quindi ha deciso di assumere provvedimenti urgenti.

La voce – non confermata – dice che il direttore della sede coneglianese fosse stato sollevato dall’incarico nell’ambito di un procedimento disciplinare. In realtà Poste Italiane ha smentito tale notizia, ma ha fatto sapere che il responsabile è stato prontamente «affiancato da referenti della Direzione provinciale e di quella regionale, per evitare che un fatto così grave possa ripetersi».

La situazione era stata determinata da un groviglio di assenze, ritardi, inadempienze, che hanno causato un accumulo di giacenza arretrata non consegnata, ma la signora si era comuncuqe presentata agli sportelli per reclamare la lettera che non arrivava e, tra i dipendenti presenti, non c’è mai stato nessuno che abbia risolto il problema.

Sulla vicenda è scesa in campo anche la Regone del Veneo: «Ho telefonato alla signora. Siamo a sua completa disposizione per tentare di recuperare il tempo che è stato perduto per colpa di qualcuno che si è distratto e le abbiamo già fissato un appuntamento con i medici per il 27 gennaio».

Secondo il presidente però la vicenda non finirà qui: «Ho chiesto all’avvocatura regionale di valutare se esistano gli estremi per fare causa alle Poste, perché se è vero che il popolo alla fine soccombe, altrettanto non può e non deve essere per l’istituzione. Secondo me si può fare leva sul fatto che ora il nostro sistema sanitario sarà costretto a spendere più del previsto per recuperare il tempo perso a causa del disservizio postale. Stiamo quindi valutando di fare causa per un guaio ingiustificabile».

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...