2.8 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

Presidente Save: ‘Orsoni inadatto’, la replica del sindaco: ‘Mire speculative’

HomeNotizie Venezia e MestrePresidente Save: 'Orsoni inadatto', la replica del sindaco: 'Mire speculative'
la notizia dopo la pubblicità

marchi presidente save

Il presidente di Save Marchi, in relazione alla vicenda della vendita delle azioni Save ma anche di altro, ha espresso ieri una critica durissima nei confronti del sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni: «A titolo personale, da cittadino e non da presidente di Save. Orsoni non è adatto a sviluppare Venezia. La sua esperienza è molto deludente: vedo che ogni giorno fa causa a qualcuno. Ma noi abbiamo bisogno di un sindaco, non di un avvocato. Credo che andando avanti così si creino solo macerie. Non è una questione politica: ci sono ottime persone in tutti i partiti».

Un attacco al quale l sindaco ha così risposto in serata da New York, dove si trova: «Non mi interessa entrare nella polemica innescata da Marchi, nemmeno dopo gli attacchi violenti di questi giorni, quel che mi interessa è capire cosa il presidente di Save voglia fare per Venezia e il territorio. Tutti gli investimenti che aveva promesso sono rimasti sulla carta e sono molto preoccupato perché con la distribuzione dei dividenti annunciata oggi il presidente di Save conferma la sua volontà di occuparsi di finanza, al contrario di quanto egli stesso ha di recente sostenuto, a beneficio esclusivo proprio e di chi è andato in suo soccorso, ma così facendo certifica la sua indisponibilità ad investire sul territorio».

«L’operazione sul capitale annunciata – continua il sindaco di Venezia – indebolirà la società di gestione dell’aeroporto e non le consentirà alcun serio investimento anche in considerazione del forte indebitamento del gruppo a cui appartiene. Sotto questo profilo chiediamo ad Enac di valutare seriamente l’affidabilità economico-finanziaria del suo concessionario. Il dato di fatto è che in questi anni Save si è opposta a tutte le scelte urbanistiche fatte dalla città su quell’area, a tutte quelle che non le avrebbero consentito forti speculazioni immobiliari o che le consentissero forti profitti da attività complementari a quelle aeroportuali, quali ad esempio i parcheggi. È proprio per la difesa dei parcheggi che con un suo ricorso al giudice amministrativo Save ha impedito la realizzazione del terminal acqueo di accesso alla città insulare.

«Da ultimo – continua il sindaco di Venezia – la necessità del rispetto per la seconda pista ha impedito la realizzazione degli impianti sportivi che la città aspetta da lungo tempo. Confidiamo tuttavia che un’intesa diretta con Enac possa consentire di superare l’ostruzionismo messo in atto da Save. Il nostro compito, il compito di un amministratore, è quello di fare l’interesse della città, di tutta la nostra comunità. Se questo non coincide con le mire espansionistiche e speculative di Marchi, ci dispiace, ma andremo avanti comunque, non facendoci intimorire da improvvide ingerenze politiche di un concessionario dello Stato”.

Redazione

[18/10/2013]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 15 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente hai già letto nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del...

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.