20.4 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

Prandelli risponde a Rossi: Glielo avevo detto, tu non sei tra i 23

HomeCalcioPrandelli risponde a Rossi: Glielo avevo detto, tu non sei tra i 23

Prandelli risponde a Rossi

Cesare Prandelli risponde a Rossi. Il ct, normalmente calmo e ponderato, perde le staffe e leggere le critiche che gli sono arrivate da Giuseppe Rossi, che gli contesta, in buona sostanza, di averlo escluso dalla Nazionale per futili motivi.

Ora Rossi è negli Stati Uniti, ma il messaggio gli arriverà ugualmente : «Certe parole non me le aspettavo. Non voglio dare giudizi, ma sono costretto a chiarire la successione dei fatti. Ho incontrato Rossi il 7 maggio alle sei del pomeriggio a Coverciano. Volevo avvisarlo che, considerati i pochi minuti giocati, lo avrei tenuto fuori dalla lista dei trenta. Parlando con lui ho capito che aveva dentro qualcosa di bello, una forza interiore straordinaria. Giuseppe mi ha detto: mister la sorprenderò. E ho pensato che portarlo in nazionale sarebbe stato un bel messaggio per tutti, una favola da raccontare. Ma glielo ho detto e ripetuto: guarda, non sei tra i 23».

Prandelli non avrebbe voluto replicare a Rossi, ma poi ha visto quei tre tweet e si è sentito di raccontare la sua verità: «Il primo giorno del ritiro ho dichiarato: qualsiasi cosa succederà, Pepito ha già vinto». Questo doveva essere lo spirito dell’avventura. E invece: «Invece mi meraviglio di chi si meraviglia…». Prandelli ha confermato che l’esame londinese dell’attaccante della Fiorentina non è andato secondo le attese: «Aveva lavorato bene, ma non tutti i test erano positivi. Così, prima della partita, l’ho preso da parte e gli ho parlato con franchezza: guarda che contro l’Irlanda voglio vedere i gesti giusti, un attaccante che fa l’attaccante e non le giocate lontane dall’area, quasi da centrocampista, in cui peraltro è bravissimo. Ho anche tolto Immobile perché credevo che fosse una questione di ruolo. Ma non ho visto ciò che volevo vedere. E allora ho detto a Rossi che non aveva completato il percorso. Ho fatto una scelta di responsabilità nei confronti del giocatore, della Fiorentina che ha fatto un investimento e dei tifosi viola. Il rischio era troppo grande. Sarebbe stato facile convocarlo».

Prandelli ha scelto con la responsabilità dell’allenatore, per quanto le critiche di Rossi contestino proprio i dati di quei test andati male: «Si vadano a vedere i test di tutti…». E il Pepito ha anche avuto l’appoggio di molti, tifosi viola e non.
«È giusto che la gente si divida e difenda il proprio idolo. So che qualunque scelta di un allenatore è quella sbagliata». Ma le accuse di Pepito lo hanno ferito, una coltellata che non si aspettava. «Internet è una risorsa meravigliosa, ma una semplice frase può muovere le masse. Credo che affidarsi ai social sia una forma di solitudine». Così è arrivata la delusione: «Lo sono sempre quando non riscontro correttezza». Ma dentro è forte, perché ha agito in piena coscienza. «Diego Della Valle, durante Calciopoli, aveva riproposto uno slogan che diceva sempre suo nonno: male non fare, paura non avere. Alla Fiorentina abbiamo anche indossato una maglietta con quella frase, che ancora tengo bene a mente. Ho fatto una scelta senza fare male a nessuno».

Ma sullo sfondo della querelle con il giocatore c’è un’altra questione ad urtare Prandelli.
Mattia Destro ha agitato le acque dell’introspezione, il gran rifiuto del romanista è stato un evento eccezionale.
«Anche con Destro sono stato molto chiaro. Gli ho spiegato che non mi servivano tre punte centrali e gli ho chiesto la disponibilità a venire in Brasile come riserva. Lui mi ha risposto: ci penso. Il giorno dopo l’ho incontrato con Gabriele Pin e gli ho comunicato la decisione, chiedendogli: hai qualcosa da dire? Lui mi ha detto di no. Allora ho replicato: lasciami la mail che ti invio il programma di lavoro perché devi essere disponibile sino alla vigilia della prima partita (per la cronaca tutti gli esclusi hanno ricevuto i compiti da fare a casa ndr ). Questo va bene, mi ha risposto». Poi, il gran rifiuto.

Roberto Dal Maschio

[04/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.