20.4 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

Ponte della Costituzione, una rogna dopo l’altra. Ora ovovia sotto la lente

HomeNotizie Venezia e MestrePonte della Costituzione, una rogna dopo l'altra. Ora ovovia sotto la lente

ovovia ponte costituzione calatrava venezia

Il Ponte della Costituzione (noto come Ponte di Calatrava) dorme sonni inquieti.

E’ di un paio di giorni fa la notizia che una nuova perizia studierà i costi del ponte, per decisione del giudice Manuela Farini, titolare della causa intentata dalla Cignoni Srl — la ditta rodigina di Lendinara che ha vinto l’appalto e costruito il ponte — contro il Comune di Venezia. In ballo ci sono circa oltre 10 milioni di euro.

L’istruttoria si somma alle altre: due perizie della Corte dei Conti, una della Procura della Repubblica, una del giudice civile Francesco Spaccasassi su richiesta del Comune di Venezia, una dell’Autorità di vigilanza dei lavori pubblici e una della stessa Ca’ Farsetti affidata al professore bolognese Massimo Majowiecki.

Ma altre ‘rogne’ sono all’orizzonte e questa volta riguardano l’ovetto. La Corte dei Conti, che già ha chiesto di risarcire grandi cifre a Calatrava e ai vari direttori dei lavori Roberto Scibilia, Salvatore Vento e Roberto Casarin, disporrà una perizia sui costi dell’ovovia, quasi raddoppiati nel tempo, passando da 1 a 1,8 milioni di euro.

Oltre a questo, Ca’ Farsetti si deve preoccupare anche del fatto che questi primi 4 mesi di vita del dispositivo creato per il passaggio dei disabili hanno avuto diversi problemi.
Gli stop sono stati numerosi, più di una decina, ed ora addirittura da giorni è ferma per un problema di batterie.

Cà Farsetti ha ora chiesto ad Avm, la società comunale a cui è stata affidata la gestione dell’ «ovetto», un report su quante volte e da chi è stata usata, quante avarie si sono verificate, i motivi dei problemi, e via dicendo.

Redazione

[11/03/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.