domenica 23 Gennaio 2022
1.6 C
Venezia

POLEMICHE JUVENTUS | Catania e Pulvirenti: rigiochiamo la partita

HomeCalcioPOLEMICHE JUVENTUS | Catania e Pulvirenti: rigiochiamo la partita

JUVENTUS | Le polemiche non si sono placate the day after. La Juventus ribatte colpo su colpo, chiusa in un fortino di logica («… gli arbitri sbagliano…»), ma la rabbia al Catania e al suo presidente Antonino Pulvirenti, non è passata, complice anche la scoperta di una pagina Facebook di un sedicente Miggiani (che ha combinato i disastri pro-Juve domenica) che inneggia allo scudetto alla Juventus.
Ieri Pulvirenti è tornato sull'arbitraggio scandaloso di Catania parlando alla radio, ed è ancora arrabbiato, molto arrabbiato, soprattutto con la Juventus:«Serve una punizione severa per i giocatori della Juventus. Proprio Agnelli che vuole riformare il calcio, inizi dalle cose semplici. Faccia un gesto è chieda lui lo 0-3 a tavolino per la sua squadra. Sarebbe un gran gesto e metterebbe a posto le cose» afferma Pulvirenti.

«Quello che è accaduto domenica è inaudito, non era mai successa una cosa del genere. A parti invertite sono sicuro che ci avrebbero espulso i tre giocatori della panchina».
E allora presidente, cosa si può fare?
«Bisogna rifare la partita, iniziamo da qua, tanto per la Juventus non cambia niente, è sicura di vincerla. Le scuse adesso mi bastano, ma qui siamo oltre la buona o la cattiva fede. Gli arbitri stavolta avevano fatto bene: rifacciamo la gara, lo deve chiedere lo stesso Agnelli”.

Tra le cronache della giornata anche una battuta attribuita a Moggi che avrebbe dovuto, forse, stemperare gli animi: «Pulvirenti? Avrebbe dovuto chiudere l'arbitro a chiave nello spogliatoio».

Roberto Dal Maschio
[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[30/10/2012]


titolo: POLEMICHE JUVENTUS | Catania e Pulvirenti: rigiochiamo la partita
foto: PULVIRENTI (REPERTORIO)


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Niente vaporetti senza GP: “La situazione qui a Burano è tragica”. Lettere

Con riferimento all'articolo "Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv", riceviamo e pubblichiamo. La situazione nell’isola di Burano è tragica!! Una parte degli isolani è letteralmente sequestrata in isola. Non è possibile fare un tampone...

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

Porto off-shore: tempi lunghi e incertezza sulla crocieristica

Le 11 proposte per il concorso di idee del porto Off-shore di Venezia arrivate all’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico Settentrionale sono state accolte con ottimismo. C’è chi ha letto in questa nutrita partecipazione un inaspettato interesse per Venezia ma in...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Guide turistiche abusive a Venezia: giusto multarle, ma chi vuole essere in regola che possibilità ha?

In questi giorni sono state sanzionate molte guide turistiche abusive a Venezia, ma vediamo anche l’altra faccia della questione: per chi volesse lavorare in regola, dopo una laurea sudata e successivi studi, da anni ormai non ha alcuna possibilità di abilitarsi. Sono...

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

Cinema Santa Margherita: avevamo i pantaloni corti

La Venezia che era. Quella in cui siamo nati e cresciuti. Per molti l'unica vera, intesa come città. La foto risale agli anni 50-60. A quei tempi la città era ricca di sale cinematografiche che attiravano sempre un grande pubblico soprattutto nei...

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

“Cucina veneziana? Bangladesh. Negozi? Cinesi. Ma quale nostra ‘economia fiorente’ del turismo?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Ristoranti con cucina veneziana? Cuochi e camerieri Bangladesh. Negozi souvenir? Ancora Bangladesh e/o cinesi. Commesse attività commerciali? Ragazze dell’est Europa, e per piacere non ditemi che i nostri...

I plateatici dei bar di Venezia tornano al loro posto?

I plateatici di Venezia torneranno al loro posto originale il 31/12/21 "rientrando" dalle espansioni concesse per compensare il lockdown.